La zanzara tigre

Come al solito, con l’estate, arrivano tanti insetti molesti, la zanzara è sicuramente uno dei peggiori e la zanzara tigre è anche peggio!

 

Oggi parlo proprio di questa specie, che ha abitudini diverse dalla "zanzara “comune”, tanto per cominciare, punge di giorno e poi tende a pungere solo caviglie, piedi e gambe perché vola poco e vive a pochi centimetri da terra, purtroppo il fatto che possa spostarsi poco e che viva rasoterra non la ferma dal pungere ripetutamente e con un morso particolarmente fastidioso e potenzialmente portatore di infezioni, anche gravi.

 

Ma cosa possiamo fare per arginare il problema in modo ecologico? Ecco alcuni piccoli consigli:

  1. elimina tutti i ristagni d’acqua sia in casa che su balconi, terrazzi e giardini. Ad esempio i sottovasi e gli innaffiatoi sono uno dei luoghi ideali in cui le zanzare tigre depongono le uova.
  2. se hai cisterne di acqua che non puoi svuotare coprile con coperchi o zanzariere ben tese, in modo che le zanzare non possano entrare per deporre le uova.
  3. un “rimedio della nonna” è quello del filo di rame, che va bene solo nei piccoli contenitori (ad esempio i soliti sottovasi), basta il rame dei fili elettrici ma usalo solo se proprio non puoi eliminare il ristagno d’acqua, perché è sempre meglio non avere acque stagnanti piuttosto che tentare con il rame.
  4. piante aromatiche e fiori funzionano solo in minima parte, leggermente diverso il discorso per quanto riguarda l’aglio, pare che le infiorescenze (che sono bellissime, e già solo per questo meritano un posto in giardino 😉 ) riescano, in parte, a mascherare l’anidride carbonica emessa dal nostro corpo (proprio attraverso l’anidride carbonica le zanzare ci trovano e ci pungono) confondendo l’insetto che non riesce più a localizzarci, per questo effetto dovrebbe funzionare sia con le zanzare tigre che con quelle “comuni”.
  5. non è scientificamente dimostrata l’efficacia della Catambra, però la pianta è molto bella anche se un po’ costosa. Questo alberello è stato brevettato da un vivaio in provincia di Brescia e assicurato come “antizanzare”, grazie all’elevata concentrazione di catalpolo (una sostanza naturale) con cui eserciterebbe una potente azione repellente contro zanzare ed insetti volanti a sei zampe.
  6. da qualche anno si incentiva la vendita di “BAT BOX”, cioè di nidi artificiali per favorire i pipistrelli, i piccoli mammiferi alati mangiano migliaia di zanzare ogni notte, però contro la zanzara tigre hanno poco effetto perché la zanzara tigre è diurna e non si sposta in sciami ma è solitaria. A parte questo sono dei veri sterminatori di zanzare “comuni” e quindi sono utilissimi oltre che simpatici ed io la BAT BOX me la sono costruita con queste istruzioni qui ed ho appreso tante utili informazioni qui pipistrelli, che sono animaletti deliziosi ma su cui gravano tanti pregiudizi stupidi, con la guida Un pipistrello per amico

 

Seguimi anche su Facebook:

In coda a questo articolo ti segnalo un opuscolo realizzato dalla Regione Emilia Romagna, come ulteriore approfondimento, che è scaricabile direttamente online in formato .pdf: Contro la zanzara tigre facciamoci in 4.