6 regole d'oro per riciclare l'olio delle fritture Io non friggo molto spesso ma l’olio residuo della padella (o della friggitrice) è una bella scocciatura, insieme agli oli di scarto, ad esempio delle scatolette di tonno o altri cibi sott’olio.

 

L’unico olio che riesco a recuperare è quello delle mie amate olive taggiasche, è olio extravergine con un profumo di olive strepitoso e lo uso al posto dell’olio extravergine classico nelle ricette di pesce oppure per fare il pane, delle olive taggiasche non si butta via niente, molto meglio del maiale 😉

 

Allora, come dicevo, gli oli usati in cucina sono una bella scocciatura, non si riesce mai a capire bene cosa farne per non fare danni, purtroppo ancora moltissime persone li versano nello scarico o nel terreno, non facendo certo bene all’ambiente (e l’ambiente è il nostro patrimonio, nostro e dei nostri bambini e nipoti…), vediamo insieme come è meglio comportarsi:

 

1. lascia raffreddare l’olio nella padella e quando è freddo versalo in un contenitore di plastica, vanno bene le bottiglie vuote dell’acqua minerale o di altri liquidi ma vanno ancora meglio le tanichette da 3 litri dei detersivi per il bucato. Io li compro spesso al discount (sono piccole taniche bianche semitrasparenti) e quando ho finito il detersivo le lavo e le tengo per riempirle di nuovo detersivo “alla spina” oppure per altri usi come questo dell’olio usato.

LEGGI ANCHE  Vivere senza accendere il ferro da stiro si può!

 

Seguimi anche su Facebook:

2. chiudi il contenitore di plastica e tienilo sul balcone o sotto il lavandino, ogni volta che hai degli oli da smaltire versali lì.

 

3. la padella o il contenitore dell’olio usato puliscilo con qualche foglio di carta da cucina, per togliere l’olio attaccato alle pareti, e mettilo pure nei rifiuti umidi.

 

4. lava la padella nel modo che usi di solito, a mano o in lavastoviglie.

 

5. telefona all’azienda che gestisce lo smaltimento dei rifiuti nella tua città e chiedi se c’è un’isola ecologica dove puoi consegnare il tuo olio usato quando il contenitore sarà pieno.

Se l’isola ecologica dove lo puoi consegnare è lontana evita di andarci ogni volta che che 1 o 2 litri di olio, sarebbe un grosso spreco di benzina e di tempo, meglio riempire tanti contenitori e andarci solo 2-3 volte all’anno.

 

6. se nel tuo comune non esiste un’isola ecologica che ti permetta di smaltire correttamente l’olio usato protesta formalmente con il sindaco e fai una richiesta ufficiale perché venga attivata!  Nel frattempo cerca se c’è un’isola ecologica nei comuni vicini e raccogli più contenitori di olio prima di fare il viaggio per lo smaltimento. Se proprio non trovi un altro sistema butta i contenitori pieni e ben tappati nei rifiuti indifferenziati. Non è un gesto ecologico perché i contenitori facilmente si romperanno disperdendo il contenuto nelle discariche ma sempre meglio che buttare l’olio nello scarico o direttamente nel terreno 🙁

LEGGI ANCHE  Trucchi di casa, ecologia, economia, idee: prima puntata

 

*** postilla: ho letto che la ditta http://www.sargen.it/ ritira gratuitamente gli oli usati in Campania e Lazio e li smaltisce nel modo giusto, fagli un colpo di telefono se sei in zona, se hai tempo puoi organizzare una raccolta degli oli per il tuo palazzo o per l’intero quartiere e chiedere alla Sargen il ritiro programmato a cadenze regolari…

 

Se sei a conoscenza di altre ditte o altri metodi ecologici per smaltire gli oli vegetali ti sarei molto grata se me lo scrivessi nei commenti, io sono sempre alla ricerca di informazioni utili, grazie 🙂