Nei giorni scorsi ho dovuto decidere se comprare un albero di Natale artificiale o vivo, non è stata una scelta facile perché in gioco ci sono tante variabili sia economiche sia ecologiche.

Ho il mio albero fatto di legno riciclato che adoro per lo stile molto nordico e shabby, ma i bambini volevano un albero più tradizionale e rigorosamente verde, quindi ho dovuto fare una scelta per l’acquisto.

Per decidere ci ho messo un bel po’ di giorni e tanti giri in tutti i negozi a tema della città…

Le mie preoccupazioni erano essenzialmente due:

1. scegliendo l’albero artificiale la spesa era piuttosto importante (ne avevo visto uno fornito di pigne bellissimo ma un po’ troppo caro per i miei gusti e un po’ troppo grande per lo spazio che ho)

2. scegliendo l’albero vivo si poneva il problema di sceglierlo solo ed esclusivamente da vivaio e rigorosamente con le radici per poterlo poi piantare appena finite le feste.

Seguimi anche su Facebook:

Alla fine ho optato per l’albero vero che è bellissimo (e me lo guardo in continuazione), ma solo perchè qui nella casa nuova ho un giardino ancora da “costruire” in cui posso piantarlo senza problemi a gennaio, ovviamente devo farlo sopravvivere anche nel caldo di casa tenendo sempre umide le radici e piazzandolo nel punto dove non ci sono termosifoni e altre fonti di calore.

Tu che albero fai quest’anno?