Patatine fritte in olio extravergine di oliva e antiossidanti

Qui a casa nostra amiamo molto le patatine fritte, non quelle surgelate ma quelle fresche, tagliate a mano a fiammifero e fritte rigorosamente in olio extravergine d’oliva, quando ero piccola anche mio papà me le faceva spesso e le adoravo quanto ora (anzi forse ancora di più :mrgreen:)

Io non uso nessun altro tipo di olio né a crudo né nelle preparazioni cotte, solo olio extravergine di oliva, lo adoro e sono convinta che sia uno degli oli migliori anche per la pelle ed i capelli.

Una recente ricerca italiana, della facoltà di agraria dell’Università di Napoli Federico II, ha dimostrato che le patatine fritte in olio extravergine di oliva non sono poi così dannose per la salute come siamo abituati a pensare, anzi l’olio extravergine di oliva le rende digeribili e ricche di sostanze antiossidanti benefini e antinvecchiamento per l’organismo.

In pratica durante il procedimento della frittura l’olio extravergine rilascia buona parte degli antiossidanti che contiene (fenoli) passandoli ai cibi che si arricchiscono di queste benefiche sostanze che di solito ingeriamo solo in minima parte con l’olio vero e proprio visto che ne consumiamo solo piccolissime quantità.

Però occhio ai fritti in giro, purtroppo nessun ristorante o fast-food usa l’olio extravergine, quindi meglio friggere le patatine a casa che si preparano in poco tempo e sono molto ma molto più buone di quelle che si comprano…

Io non ho la friggitrice e le cuocio normalmente in padella, vengono benissimo lo stesso.

Seguimi anche su Facebook: