Lo spauracchio della pipì a letto #nonèunproblemaOgni tanto parlo di qualcosa di diverso dall’organizzazione e dalle ricette dei detersivi fai da te, oggi mi metto a parlare di pipì a letto.

Il termine tecnico è enuresi notturna ma sempre di pipì a letto si tratta.

Finché i bambini sono piccini c’è il pannolino che salva tutto e non ci si pensa, quando il pannolino vola via il controllo della vescica diventa un fatto assodato ma gli incidenti possono ancora capitare e la cosa è del tutto normale ma…

Vi dico la verità, non sono una di quelle mamme votate al sacrificio, alzarmi nel mezzo del sonno per rifare letti e rassicurare i figli era un bello spauracchio e l’ansia era generata anche dai racconti della suocera sul fatto che mio marito ha bagnato il letto almeno fino ai 12-13 anni.

In realtà poi non si è verificata nessuna previsione apocalittica, tutto è filato liscio, abbiamo avuto qualche episodio occasionale e niente di più.

La cosa importante è essere rassicuranti se capita, capire se c’è una causa scatenante, magari un po’ di ansia, imparare ad evitare di bere tanto prima della nanna e ricordarsi di fare sempre la pipì prima di entrare nel lettino.

Con questi soli piccoli accorgimenti lo spauracchio si allontana e le cose migliorano in fretta.

LEGGI ANCHE  Non puoi cambiare materasso? Usa un topper

Per evitare completamente ogni rischio oggi siamo fortunati rispetto ai tempi di mia suocera, c’è Huggies  DryNites che ha pensato a dei prodotti fatti apposta per i bambini grandi, quelli che non accetterebbero più di portare pannolini, ma con una mutandina che è praticamente uguale a quelle di cotone ma che assorbe in caso di incidente ci possono stare tranquillamente senza sentirsi “diversi”.

Seguimi anche su Facebook:

Così è proprio vero che la pipì a letto non fa paura e #nonèunproblema.

Questo post è offerto da Huggies  DryNites .