Gelato fatto in casa guida alle gelatiere

Io adoro il gelato, in famiglia siamo tutti amanti quindi ne consumiamo a chili tutto l’anno, ma d’estate è un tripudio di gelati in ogni momento della giornata, ci facciamo anche colazione!

Quelli confezionati sono buoni e quelli artigianali sono buonissimi ma purtroppo un po’ cari per farne un uso smodato come noi, così l’unica soluzione per risparmiare e per essere sicura di avere sempre un gelato con materie prime genuine è farlo da me con la gelatiera.

Ne ho una vecchissima e mi sto documentando per acquistarne un modello nuovo, così metto qui i miei appunti, se anche tu sei alla ricerca di una gelatiera leggiti quello che ho trovato studiando di tutto di più Occhiolino

Prima di tutto devi sapere che ci sono due tipi di gelatiere, un tipo più economico detto “ad accumulo”, che ha il contenitore che va refrigerato nel freezer prima di mettersi a preparare il gelato, ed un tipo “autorefrigerante” decisamente più costoso che però è molto più rapido perché ha un compressore interno che raffredda la vaschetta.

La vaschetta delle gelatiere ad accumulo va messa in freezer per almeno 8 ore, puoi anche comprare più vaschette di ricambio e tenerle sempre in frigo per averle pronte al bisogno e poter fare più gusti uno dietro l’altro.

Anche gli ingredienti devono essere belli freddi di frigorifero quando li metti nel cestello, questo sia con le gelatiere ad accumulo che con quelle a compressore.

Seguimi anche su Facebook:

Non aggiungere troppo zucchero, se la gelatiera non è professionale è meglio non abbondare perchè lo zucchero impedisce la congelazione e rischi di ritrovarti con una crema liquida invece di ottenere un bel gelato pastoso.

Se stai facendo un gelato alla frutta frullala perfettamente, non lasciare pezzi interi perchè se poi il gelato avanza e lo metti in freezer al momento di mangiarlo troverai i pezzi di frutta congelati e simili a cubetti di ghiaccio. Piuttosto aggiungi altra frutta fresca raffreddata in frigo in ogni coppetta singola al momento di servire.

Il gelato è più buono se viene mangiato subito dopo la mantecatura, ma comunque puoi conservarlo in freezer fino a 24 ore.

Quando lo tirerai fuori dal freezer (che deve essere a -21 -22 gradi) sarà durissimo, per renderlo di nuovo cremoso lascialo scongelare un po’ in frigorifero (30-50 minuti) e quando è della consistenza giusta fai una mantecatura veloce a mano.

Invece quando dico che le gelatiere autorefrigeranti sono decisamente più costose intendo che possono costare anche 2 o 3 volte tanto rispetto all’altro tipo, si parte da una quarantina di euro per le gelatiere ad accumulo per arrivare fino ai 200-300 euro di quelle con il compressore interno.

Per fortuna online si trovano ottime offerte, con capolista Amazon come sempre.

Dopo aver letto millemila recensioni non ho ancora deciso se sceglierò un gelatiera ad accumulo oppure una con il compressore ma le possibilità migliori per qualità e prezzo secondo me sono queste:

AD ACCUMULO

AUTOREFRIGERANTI