bollette elettriche non pagate - saranno a carico di tutti

Scommetto che nei giorni scorsi hai letto questa notizia un po’ dappertutto, soprattutto su social e siti vari e vorresti capire bene se è vero oppure no.

Ho indagato per capire se è vero oppure se è una bufala, ormai le persone si sono divise in due schieramenti opposti ma quasi nessuno ha capito davvero cosa c’è dietro questa notizia.

La risposta breve alla domanda “le bollette elettriche non pagate saranno davvero a carico di tutti?” è NI.

In effetti il 1° febbraio 2018 l’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) ha pubblicato la Delibera 50/2018/R/EEL (che puoi leggere interamente cliccando qui) per risolvere l’annoso problema della morosità di molti utenti.

Per queste morosità alcune aziende elettriche hanno avuto dei seri problemi (in alcuni casi sono anche fallite) perché, non avendo incassato le bollette, non riuscivano a pagare ai fornitori di energia gli oneri di sistema.

Pare che l’ammanco sia di oltre 1 MILIARDO di EURO!!!

Seguimi anche su Facebook:

Per sanare la situazione, con la delibera che ti ho citato, ARERA si è inventata un sistema molto italiano, cioè dividere l’ammanco tra gli utenti che hanno sempre pagato.

Le buone notizie in merito sono tre:

1. Per fortuna si tratta di spalmare sugli utenti paganti (cioè noi!) solo gli oneri di sistema e non l’intero costo delle forniture elettriche non pagate.

LEGGI ANCHE  Trucchi di casa, ecologia, economia, idee: prima puntata

L’ARERA stima che l’aumento che subiremo sarà circa il 2% degli oneri di sistema (e non dell’intera bolletta) che già paghiamo. Quindi i 35 euro di cui si parla su molti siti e post social sono una stima inesatta e presumibilmente gonfiata.

2. Il meccanismo relativo agli aumenti non comincerà subito, anzi per un anno ancora non dovremmo vedere l’accisa.

3. Il Codacons ha deciso di impugnare la delibera di ARERA, ha promosso un ricorso al TAR della Lombardia per chiedere l’annullamento di questo provvedimento perché lo considera ingiusto. Ovviamente i tempi del TAR sono quelli che sono quindi non ci resta che aspettare e vedere come va finire…