cos'è, come si usa e quali proprietà ha l'acidulato di umeboshi

Ormai è un annetto che uso, al posto del sale, l’acidulato di umeboshi e sono mesi che mi riprometto di scrivere un post per spiegare cos’è, come si usa e quali proprietà benefiche ha questa specie di aceto.

Finalmente mi ci sono messa ed ecco tutto quello che devi sapere su questo prodotto, compresi prezzi e curiosità interessanti.

L’ho chiamato “specie di aceto” perché in realtà non è un aceto, è solo debolmente aspro, ma il gusto e la caratteristica principale è che è salato, però contiene poco sale (poco meno di 19 grammi di sale ogni 100 ml) quindi è perfetto per chi desidera ridurre l’apporto di sodio nella dieta senza rinunciare al gusto.

Ma partiamo dall’inizio con un po’ di storia e di informazioni utili: è un prodotto che arriva dal Giappone, ma che deriva da un frutto Cinese che coltivato in Giappone si è via via trasformato (nel corso di un millennio) fino a cambiare di gusto e di forma.

Il frutto è l’UME e quello cinese è più piccolo e dal gusto più amaro, mentre quello Giapponese è più turgido, tondo e dal sapore acidulo.

Viene chiamata prugna UMEBOSHI ma è più simile ad un’albicocca e in Giappone viene considerato miracolosa, infatti i giapponesi hanno il detto “l’ume conserva la vita”, da questo puoi farti un’idea delle proprietà di questo piccolo frutto.

Seguimi anche su Facebook:

Ho letto che da alcuni anni viene coltivata anche in California ma qui da noi non si trova al naturale, ma oltre all’acidulato comincia ad arrivare anche marinate in barattoli con sale e foglie di shiso, oppure umeboshi in pasta, che è una sorta di purea del frutto sempre marinata allo stesso modo.

LEGGI ANCHE  Come autoprodurre in casa l’aceto di mele

Per fortuna con l’acidulato, la pasta e il frutto marinato si possono già sperimentare vari usi, sia in cucina che come rimedio per i piccoli malanni.

Io uso principalmente l’acidulato e, dopo aver sostituito sale e aceto ho ridotto sensibilmente i miei problemi di reflusso gastrico, abbinando un po’ di moto (camminata veloce per 10-12 mila passi) tutti i giorni e una dieta sana i problemi sono completamente scomparsi, posso mangiare qualsiasi cosa anche a tarda sera e non ho mai più avuto problemi di nessun genere, mentre prima dolori forti e acidità erano all’ordine del giorno.

Con le prugne si può preparare una bevanda contro i malanni invernali come raffreddore e influenza, pare che abbrevi la durata se l’influenza è già conclamata, oppure riesca a bloccarla se presa all’inizio,gli ingredienti sono:

– 1 prugna umeboshi o 1 cucchiaino di polpa

– una tazza di acqua fredda

– 1 cucchiaino raso di Kuzu (la polvere della radice di una pinta sempre giapponese)

– grattugiata di zenzero fresco o in polvere

– qualche goccia di salsa di soia

Questa ricetta non l’ho ancora provata ma è sulla mia lista.

Per prepararla versa l’acqua fredda in un pentolino, aggiungi il KUZU e mescola bene, aggiungi la prugna (o la polpa) e accendi il fuoco.

Continua a mescolare e fai bollire a fuoco bassissimo per 1-2 minuti, finchè il liquido si addensa e diventa trasparente.

Togli dal fuoco, aggiungi la grattugiata di zenzero o un pizzichino (piccolo) di zenzero in polvere, la salsa di soia, e bevi ben caldo.

LEGGI ANCHE  Aceto: un prezioso alleato contro i cattivi odori!

acidulato di umeboshi - valori nutrizionali

Per chi fa sport le prugne umeboshi aiutano a metabolizzare l’acido lattico che si forma nei muscoli dopo uno sforzo,  pare infatti che gli sportivi giapponesi ne facciano uso prima di gare e partite, proprio come l’ex giocatore dell’Inter Yūto Nagatomo che le usa per assumere forza e smaltire la fatica.

Uso mutuato da quello degli antichi samurai, che usavano le umeboshi per eliminare la fatica e sopportare lunghe battaglie sul campo.

Se hai mal di gola si dice che un nocciolo di umeboshi succhiato per alcune ore possa curarlo.

La presenza di acido citrico aiuta l’assorbimento del ferro e di altri minerali preziosi come calcio e magnesio, se sei anemica o soffri di osteoporosi usa le prugne umeboshi o l’acidulato insieme a cibi ricchi di ferro o calcio per assimilarne il più possibile.

Se fai sport prepara una bevanda remineralizzante mettendo una umeboshi in una bottiglia di acqua, poi bevi l’acqua prima e dopo la gara o l’allenamento, l’acqua aumenterà la tua resistenza e allontanerai crampi, acido lattico e indolenzimento successivo allo sforzo.

Se non hai a disposizione le prugne usa un cucchiaino di acidulato ogni mezzo litro d’acqua.

Un’altra proprietà preziosa delle umeboshi è la potente proprietà antibatterica, ecco perché la bevanda Kuzu è preziosa in caso di raffreddore o influenza, ma anche l’acqua che ti ho consigliato per lo sport èuò essere usata come coadiuvante antibatterico, alcalinizzante e remineralizzante in caso di infezioni intestinali.

le prugne umeboshi per gli sportivi