Aceto + bicarbonato: un anticalcare potente ma naturale

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

aceto e bicarbonato, anticalcare naturale

Io, nel mio paese, ho qualche problema di calcare, l’acqua è molto dura e pulire è sempre complicato.

 

I problemi più grossi ce l’ho in bagno e, soprattutto, nella cabina della doccia, sul cristallo resta una patina bianca terribile, per mandarla via non avevo ancora trovato un rimedio naturale efficace!

 

L’ho trovato e sperimentato proprio oggi…

 

Una miscela di aceto (bianco di vino o di mele) e di bicarbonato di sodio, questi due ingredienti li ho sempre sotto il naso e li uso moltissimo ma non mi era ancora venuto in mente di miscelarli direttamente sul calcare.

Seguimi anche su Facebook:

 

Il classico “uovo di Colombo”, ma vediamo più nel dettaglio come fare e cosa ti serve:

 

  1. una spugnetta abrasiva
  2. aceto di mele (o bianco di vino)
  3. bicarbonato di sodio

 

Con la parte più morbida della spugnetta spalma uno strato generoso di aceto, quando hai finito strizza molto bene la spugna e girala, sulla parte abrasiva versa un po’ di polvere di bicarbonato e ripassa sull’aceto. Aggiungi polvere di bicarbonato sulla spugna quando serve e continua così per tutta la superficie della cabina doccia.

 

Lascia agire per un minuto circa e poi sciacqua.

 

Per evitare che il calcare si riformi subito ho un altro segreto a base di “Johnson’s baby olio”, facciamo che te lo svelo domani? 😉

 

Nel frattempo puoi rileggerti tutte le mie ricette di detersivi fai da te

11 pensieri su “Aceto + bicarbonato: un anticalcare potente ma naturale”

  1. Ciao cembolina 😀
    probabilmente è proprio la rezione “effervescente” sul vetro che porta via il calcare in modo più potente rispetto al solo aceto, se di mescolassero prima bicarbonato+aceto non credo avrebbe lo stesso effetto, ma proverò 😉

  2. ah se è per il mio box doccia, ora che conosco i tuoi barbatrucchi, non ha più scampo!

    😀

    ps: un giorno, quando potrò farlo, ti dirò che sei diventata la mia musa…

  3. ecco. ora te lo posso dire.
    sei diventata la mia musa.

    ieri sera ho finalmente pulito la vasca idromassaggio della casa nuova che mi hanno altrettanto finalmente riparato. alla facciazza dei tecnici che raccomandavano il viakal dato lo stato pietoso in cui verteva la vasca (inutilizzata per quasi 2 anni), io ho usato questo tuo metodo. e, nel frattempo, mentalmente, ti beatificavo.

    😀

  4. Stasera mi sono accorta di aver finito il detersivo per lavastoviglie dopo averla accuratamente super riempita, dopo il primo momento di sconforto ho deciso di versare un po’ di candeggina al prelavaggio e per il lavaggio ho usato due cucchiai abbondanti di bicarbonato ed un bel bicchiere di aceto…poi mi sono messa alla ricerca di qualche sito che mi confermasse di non aver fatto una cavolata.
    Grazie Casa Organizzata! Mi sono tranquillizzata e posso affermare con soddisfazione che le stoviglie sono venute brillanti e profumate, bicchieri compresi!!! 🙂

  5. A proposito di cabina doccia, avrei bisogno di un aiuto.
    mio marito lavora in una azienda che lavora il ferro, e ogni volta che rientra e si fa la doccia nella cabina lascia residui di ferro che si depositano negli angoli e in tutte le fessure della cabina stessa. Io rientro a casa alcune ore dopo di lui e ripulire la doccia è un dramma, perchè non riesco a pulirla a fondo e mi sembra sempre sporca.
    Tu puoi aiutarmi con qualche consiglio?? help 🙁

  6. ciao Giusi, in effetti è un bel problema!
    L’unica cosa che mi viene in mente è una… CALAMITA, l’ideale sarebbe una che si possa “accednere e spegnere” come magnetismo, ma anche una di quelle grandi a ferro di cavallo che si trovano dai ferramenta?

  7. La reazione che si forma mescolando bicarbonato e aceto è molto potete, ma il composto che poi ne rimane è neutro e inefficace.
    l’aceto puro o ancora meglio se usate l’acido citrico o il limone grazie alle sue proprietà acide elimina efficacemente il calcare.
    Il bicarbonato puro è assolutamente da evitare , può trasformare il calcare da carbonato di calcio a carbonato di sodio rendendo più difficile la rimozione.

  8. @Antidisinformazione: grazie delle precisazioni ma come vedi nel post è scritto proprio che bisogna sfruttare il momento della reazione insieme all’effetto detergente del sapone proprio come dici tu 🙂

Rispondi