Detersivo per piatti a mano e lavastoviglie tutto-in-uno

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

Se mi leggi da un po’ sai che sono sempre alla ricerca di idee per usare i detersivi (e non solo) in modo semplice e consapevole per risparmiare e per migliorare il mio “impatto” ecologico.

Il mio modo per cercare idee in questo senso è la sperimentazione diretta, faccio prove su prove e grazie a questa mia “mania” ho trovato molte ricette utili come nel caso dell’articolo Detersivi fai da te: pastiglie monouso per lavastoviglie e negli altri taggati con le stesse parole chiave “detersivi fai da te”.

Questa volta ho trovato la formula per usare il normalissimo detersivo per i piatti (meglio se ecologico) sia per lavare i piatti a mano riducendone la potenzialità inquinante e potenziandone l’effetto deodorante, sia per la lavastoviglie eliminando una volta per tutte i detersivi appositi che sono molto molto dannosi per l’ecosistema.

La cosa bella è che realizzare questo piccolo “miracolo” è semplicissimo, niente ricette elaborate e con varie sostanze da misurare, ecco cosa ti serve:

– 1 flacone di detersivo per i piatti a mano (pieno)

– 1 flacone di detersivo per i piatti a mano (vuoto)

Seguimi anche su Facebook:

– 1 bottiglia di aceto di mele (o di vino, bianco)

Adesso che hai tutti gli ingredienti versa metà del sapone per i piatti dentro l’altro flacone, quello vuoto, in modo da avere due flaconi pieni a metà.

Ad ogni flacone aggiungi l’aceto di mele fino a riempire, mescola bene ed ecco il tuo nuovo detersivo meno inquinante, perché è composto solo da metà detersivo tradizionale, e con uno spiccato potere deodorante perché l’aceto è miracoloso per questo uso e riduce la schiumosità quando lo devi mettere in lavastoviglie.

Per lavare i piatti a mano i piatti usane poco sulla spugna oppure un cucchiaio nell’acqua del lavello.

Per la lavastoviglie usane solo un cucchiaino da caffè (solo un cucchiaino, mi raccomando, perché è schiumogeno e questa è la quantità giusta per lavare perfettamente senza avere problemi con la schiuma) nella vaschetta apposita, in questo modo risparmi anche molti soldini, quanto ti dura un flacone di detersivo se per ogni lavastoviglie che fai partire basta metterne solo un cucchiaino da caffè? Tanto tanto tempo :mrgreen:

Altre due piccole note:

1. ti sarà capitato che il detersivo per la lavastoviglie in polvere o tabs tradizionali non si sciogliessero bene, lasciando residui sulle stoviglie e sulla lavastoviglie, con questo detersivo semplicissimo questo non succede perché è liquido e si scioglie perfettamente ed inoltre non può intaccare in nessun modo il rivestimento in acciaio dell’interno dell’elettrodomestico, cosa che fanno i detersivi normali quando non si sciolgono bene.

2. l’aceto di mele è molto delicato, non lascia odore né residui sui piatti asciutti e contribuisce ad addolcire l’acqua migliorando l’impatto del calcare sulle tubature e sulle resistenze della macchina.

Prova e se il mio piccolo “miracolo” ti piace seguimi tramite la newsletter e/o la pagina su facebook 😉

107 pensieri su “Detersivo per piatti a mano e lavastoviglie tutto-in-uno”

  1. ciao Alessia, sembra molto interessante e lo proverò sicuramente, chissamai che non riesca a risolvere anche il problema di quelle macchie bianche sui bicchieri che non se ne vanno più (non è calcare, sembra proprio che il vetro venga corroso dai detergenti per lavastoviglie).
    per lavare a mano io utilizzo un vecchio flacone di detersivo per piatti con dosatore (tipo il sapone liquido per le mani) con un terzo di detergente ecologico e due terzi d’acqua, passando i piatti e le pentole con la spazzolina per stoviglie e acqua calda, basta uno spruzzo sulla spugna per lavare tutti i piatti. la prossima volta allora diluisco con l’aceto!

  2. Oh finalmente un detersivo per lavastoviglie liquido!!!!
    Ne sto cercando da una vita uno liquido perchè sono veramente insoddisfatta di quelli in pastiglia….proverò questa ricetta :).
    Grazie!

  3. @mara: si si prova e dimmi come va 😉

    @solitamente: bene bene, sono contenta di esserti utile, hai guardato anche le altre ricette?

  4. ciao!
    Complimenti, ci sono diverse interessanti ricette in giro per il detersivo per i piatti, anche completamente naturali, ma sono tutte un po’ impegnative da preparare, mentre questa tua idea e facile e veloce e posso finalmente convincere a cambiare un po’ abitudini anche persone molto pigre o refrattarie, come diverse mia amiche, il mio compagno, addirittura la mia mamma :-))

    Insomma 10 e lode: sono convinta che il cambiamento di abitudini e mentalità debba passare anche attraverso pratiche che siano davvero alla portata di tutti, poi fatto il primo passo…!

  5. mumble…
    aceto di mele?
    proverò!

    che l’adorato aceto bianco mi dicono rovini di brutto le guarnizioni…
    e lo dice fabrizio zago, quello del biodizionario. mica bau bau micio micio

    🙁

  6. anch’io uso l’acido citrico come ammorbidente, in soluzione al 10%. Da quel che ho capito è un po’ più “delicato” dell’aceto. L’unico difetto che ha è che è ben più difficile da reperire dell’aceto

  7. @cembolina: il link al forum non funziona, me lo rimetti giusto se lo trovi? Sono interessata ma non ci credo per niente 😉

    Io uso l’aceto da anni e le mie guarnizioni stanno alla grandissima, mai avuto un elettrodomestico rotto (lavatrice, lavastoviglie & c.) eppure, soprattutto per la lavastoviglie, non uso più detersivi brillantanti e sali chimici ma solo bicarbonato, aceto, oli essenziali & c.
    Diciamo che se tu lasciassi l’aceto puro per molto tempo sulle guarnizioni di gomma potrebbe anche essere vero che le rovina, ma nel lavaggio le guarnizioni praticamente non vengono toccate dall’aceto e quel poco che ci arriva è mooooooooooooooooooooolto diluito ed il contatto avviene per pochissimo tempo, poi se bastasse un acido debolissimo come l’aceto (diluito) per rovinare le guarnizioni, figuriamoci cosa riuscirebbero a combinare i detersivi classici, mia madre ha una striscia del rivestimento interno di acciaio completamente intaccata dalle pastiglie per il lavaggio, le succedeva che non si sciogliessero bene ed il contatto ha rovinato irrimediabilmente, niente di grave perchè la lavastoviglie (funziona) ma a vedersi è un vero scempio!

  8. ciao!
    ho sbagliato io, il fatto che rovini le guarnizioni me l’aveva detto la collega. fabrizio zago è contrario all’aceto perché logora i metalli e quindi lavatrici, lavastoviglie e lavelli.

    vai sul sito http://www.promiseland.it, clicca su ‘forum’ e poi su biodizionario: cosmetici e prodotti biodegradabili, digita ‘aceto’ nel campo cerca e leggi in giro.

    🙂

  9. L’ho trovato ma dice anche che ci vogliono decenni, mentre le pastiglie classiche li rovinano subito, al contatto 😉
    E comunque la trovo una contraddizione visto che l’aceto è da sempre (dalle nonne) consigliato per togliere il calcare dall’acciaio (lavelli, rubinetti, ecc.), insomma non fasciamoci la testa che la roba che usiamo abitualmente è moooooooooooooooolto peggio, ahimè 🙁

  10. sono d’accordo con te.
    anche se la roba che si usa abitualmente in casa mia non c’è più da un pezzo (anche grazie a te) 🙂

    io l’aceto lo uso quasi ovunque
    ma non in lavatrice (dove uso l’acido citrico) o in lavastoviglie (dove uso il tuo detersivo fai da te)

    😀

    buona giornataaaaaaaaa

  11. Ieri sera sono riuscita a comprare l’aceto di mele ed ho fatto la magia :). Ho subito provato il primo lavaggio in lavastoviglie con questo nuovo detersivo e quando torno stasera a casa saprò dire se il risultato è soddisfacente…però già il cattivo odore che sentivo quando aprivo lo sprtellone non c’era!!!! Ultimamente i residui delle pastiglie per lavatrice mi costringevano a risciacquare a mano!!!!!Graze per la ricetta :).

  12. ho diluito al 50% il detersivo per i piatti con l’aceto e lo sto usando da diversi giorni: è perfetto! niente odori residui, piatti che se ci passi il dito fanno “screeeek” (niente unto residuo). Effettivamente fa tanta schiuma, la mia impressione è che ne faccia più di prima. Tra l’altro direi che ne basta una quantità minore per ottenere lo stesso risultato. E che vogliamo di più 🙂

  13. Ci ho provato pure io questa mattina, avevo giusot il detersivo a metà quindi non ho fatto altro che aggiungere nello stesso flacone l’aceto (che però è di vino bianco….e visti i commenti forse è meglio che questo flacone lo conservi solo per i piatti a mano?)
    Oggi ho lavato a mano e nessun problema, anzi, bicchieri molto lucidi e piatti puliti in un batter d’occhio!
    Grazie per i preziosi consigli!

  14. Ciao ho trovato il tuo link nel blog di Tabita, vorrei provare il detersivo liquido volevo chiederti se nella lavastoviglie aggiungi comunque il brillantante ed il sale.

    GRazie

  15. @barbara: vai tranquilla anche con l’aceto di vino 😉

    @agrimonia: benvenuta 😀
    Io non aggiungo niente da anni, nè sale nè brillantante.

  16. @abigail: assolutamente si, questo detersivo non può avere la “forza” di quelli chimici per la lavstoviglie, quindi basta togliere i residui di cibo e dare una passata veloce 😉

  17. Ciao, ho provato questa “ricetta”, i piatti sono venuti benissimo, ma la lavastoviglie ha perso acqua… E’ successo solo a me?
    Silvia

  18. Ciao Silvia, in effetti è molto strano (io ormai lo uso da 5 mesi e non è mai successo niente di strano) , sentiamo se è successo a qualcun’altro…

  19. mai perso acqua.
    eppure lo uso anch’io da mesi.

    io, per la verità, ci pulisco anche il lavello tutte le sere e il bagno quando ho fretta.

    appena ho voglia e tempo devo andare a scriver ancora qualcosa sull’uso di aceto e bicarbonato in contemporanea, però. che le mie prove empiriche danno ragione a zago. e alla chimica.

    baci

  20. ciao a tutte!!!
    ho appena provato a fare il flacone di detersivo e aceto (ma quello bianco, non ho in casa quello di mele, sigh!!!!) ho avviato la lavastoviglie e adesso aspetto il risultato…… ho notato però che (nonostante averlo ben agitato) scendeva sul cucchiaio molto molto liquido (sembrava solo aceto!): eppure le dosi erano precisamente a metà!!!! vi dirò poi il risultato!!!

  21. ciao… perchè suggerite di fare il mix poco prima dell’uso? non va bene agitare il flacone del det/aceto già miscelato e versare nel cucchiaino?

  22. Complimenti!!! Molto interessante questo blog, e questo post in particolare!!! Non vedo l’ora di fare l’esperimento anche io, ma la ricetta è così semplice che davvero dà l’idea di semplificarti la vita e al tempo stesso di permetterti di fare qualcosa di veramente buono per l’ambiente e la salute (purtroppo non sempre le due cose vanno d’accordo). E proverò anche a fare la spugna per i piatti con le retine di nylon, anche se credo che sostituirò la rafia con qualche altro spago che ho in casa (giusto per riciclare un po’). Ciao!

  23. Riporto la mia testimonianza perché questo detersivo è una vera e propria genialata!
    Lo uso da qualche mese per lavare i piatti a mano con risultati più che soddisfacenti, ma la vera svolta c’è stata settimana scorsa quando mi hanno finalmente installato la lavastoviglie 🙂
    Con mezzo cucchiaino da caffè di detersivo (un cucchiaino intero mi lasciava la schiuma sul fondo della lavastoviglie) ho ottenuto stoviglie perfettamente pulite, deodorate e brillanti.
    Niente sale nè brillantate nella lavastoviglie, solo l’aceto nella vaschetta del brillantante.
    Il portafogli e l’ambiente sono felicissimi 🙂 grazie!!!

  24. ciao… scusate nessuno mi sa dire perchè miscelarli al momento? rischio qualcosa usando il DET-aceto già miscelato?
    avrò a breve la mia prima lavastoviglie, non voglio rischiare di rovinarla subito…

  25. @paola: ma che bellooooo, sono proprio contenta che ti piaccia quanto piace a me 😀
    @serendipity81: non è questo che devi miscelare al momento ma quello che fa la schiuma, questo lo puoi fare in anticipo, io ne preparo un flacone da mezzo litro e mi dura una vita…

  26. salve,
    ma con lo stesso sistema possiamo ottenere anche detersivi per le pulizie in generale? tipo lysoform e aceto per pulire il lavello, ecc ecc….. oppure si può proprio usare il detersivo piatti con l’aceto anche per il bagno??’!!
    scusate la confusione!!!

  27. ciao Rita, io non lo so, questo per piatti e lavastoviglie è un esperimento personale per ridurre consumi ed inquinamento ma non credo sia molto utile diluire lisoform e aceto o simili, l’aceto servirebbe a pco ed il lisoform perderebbe il suo già minimo potere disinfettante. Comunque per capire bene bisogna fare prove empiriche ed esperimenti 😉

  28. per i pavimenti io uso una ricetta più complicata ma con cui mi trovo benissimo. Per la verità ho fatto molti tentativi ed errori e adesso non saprei più dire se è una mia elaborazione di varie ricette trovate e provate in rete oppure ho trovato proprio queste proporzioni già così. Però ve le do così come le uso: per 6 lt. di acqua, 20 cucchiai di alcool, 20 cucchiai di aceto, 2 cucchiai di detersivo per i piatti e 40 gocce di olio essenziale. Poi aggiungo tanta acqua quanta ce ne vuole per ottenere 12 tappi totali di detersivo (lo so, non è granché come misura, la prossima volta vedrò quanto fa in litri e ve lo scrivo!). Poi uso 2/3 tappi max per ogni tre litri d’acqua. Io mi trovo molto bene: non restano striature e pulisce. 🙂

  29. ok, grazie a Casa Organizzata e a Kassandra per le informazioni….
    intanto ho provato la “pappina” composta di bicarbonato e detersivo per i piatti (quello diluito con l’aceto): funziona benissimo, anche se lega poco….me la sono ritrovata semiliquida nel barattolino….forse la devo conservare al fresco???!!
    ciao e grazie!!!

  30. @rita: no, quella la devi assolutamente preparare al momento, deve friggere proprio su quello che vuoi pulire, altrimenti non funziona…

  31. Ciao Ragazze, mi chiamo Susanna e vorrei proprio incominciare ad usare detersivi fatti in casa per fare le pulizie sia per un fatto economico che ecologico. Non sapevo si potessero creare tanti detersivi e quindi vorrei saperne di più.
    Per caso sapete dirmi se c’è una miscela efficace per pulire i sanitari con aceto, alcool ed eventualmente anche bicarbonato? Grazie mille.

  32. Ciao Susanna, ti sei risposta da sola: io una volta la settimana uso il vapore saturo(che non bagna) ma in settimana quando serve in una spugna metto l’aceto assieme ad una gosccia di sapone liquido, lo stesso che si usa per lavarsi le mani. Così tengo sgrassato e non si inquina. Sennò bisognerebbe fare una miscela di bicarbonato e aceto da raccogliere con la spugna (preparare ogni volta la miscela mi sembra che mi faccia perdere un pò di tempo in più, però va benissimo come soluzione). Questo è il mio parere. Ciao

  33. Ciao, torno a scrivere qui, visto che avevo lasciato il commento nel post sbagliato! Adoro le tue idee e le trovo utilissime, ma sono rimasta un po’ perplessa per quello che riguarda il detersivo mescolato con l’aceto. Dicono che l’aceto neutralizzi l’efficacia del detersivo…è vero o una leggenda metropolitana? ( non sono mai stata brava con la chimica…)

  34. @lauren: ciao e benvenuta 😀
    Assolutamente no, l’aceto non neutralizza il detersivo, semmai lo potenzia, si è parlato di neutralizzazione tra aceto e bicarbonato ma il mio punto di vista (non tanto chimico quanto per “prove sul campo”) lo trovi in questi due articoli (e relativi commenti): http://www.casaorganizzata.com/2009/06/aceto-bicarbonato-un-anticalcare-potente-ma-naturale/
    http://www.casaorganizzata.com/2010/03/una-ricetta-di-cembolina-ecoblogger-con-i-fiocchi/
    e se hai altre domande sono qui 😉

  35. Ciao!! Sono un maschietto..posso scrivere lo stesso??:))
    mi sono ritrovato qui cercando come diavolo si fa un primo lavaggio per la lavastoviglie nuova: ci va l’acqua?il sale?il brillantante?il tutto con o senza la pasticca 3in1?
    queste erano le domande che mi assillavano..su internet ognuno dice una cosa diversa. Poi ora capito qui..e quanta saggezza!vi rivolgo le stesse domande e anche una in più: questo mix sapone piatti-aceto mele, anche per un eventuale primo lavaggio?? grazie mille 😀

  36. ciao Bimbo, benvenuto 🙂
    Questo detersivo autoprodotto (nel dosaggio indicato) è ottimo anche per un primo lavaggio e per quanto ne so io il primo lavaggio è uguale a tutti gli altri, semmai puoi farne uno a vuoto ma non ci sono accorgimenti particolari che io sappia.

  37. Ciao.
    Non ho letto tutti i commenti, magari la risposta alla mia domanda c’è già…nel caso scusate.
    Volevo sapere se questo detersivo va bene anche come brillantante per la lavastoviglie…
    Perchè nelle tabs il brillantante è compreso.
    Grazie.
    E complimenti per il blog! Geniale! 😉

  38. @stefania: ciao e benvenuta 😀
    Si può sostituire egregiamente il brillantante perchè l’aceto addolcisce l’acqua, però fai un lavaggio di prova e se per caso vedi che restano le goccioline sui bicchieri puoi aggiungere ancora altro aceto direttamente nella vaschetta del brillantante. Io non l’ho mai fatto nenahce dove abitavo prima e c’era l’acqua piuttosto dura, i bicchieri venivano perfettamente.

  39. Direi che l’aceto va benissimo,anch’io lo uso. Ci tengo a dire che il brillantante è una patina che rimane sulle stoviglie e quindi un pò te la mangi, e di certo non fa bene alla salute dato che è una sostanza chimica. Di certo noi non ce ne accorgiamo subito, ma, sarai daccordo con me che è la goccia continua che riesce a scavare la roccia.

  40. Ciao a tutti. E’ la prima volta che scrivo, ma seguo il blog da qualche tempo e mi piace molto, inoltre trovo queste discussioni sui detersivi ecologici autoprodotti veramente utili, complimenti per l’inventiva! Qualcuno di voi, tra i vari esperimenti ha trovato per caso un modo per riciclare i bagnoschiuma? Noi in casa ormai usiamo solo sapone di marsiglia, ma hanno regalato alle mie figlie dei bagnoschiuma profumati (?) per Natale. Cestinarli direttamente non mi sembra una grande idea dal punto di vista dell’impatto ambientale, così mi chiedevo se è possibile diluirli ed utilizzarli per esempio per le pulizie…
    Attendo suggerimenti, grazie!!

  41. Ciao, ho letto con molto interesse tutti i commenti ma non ho capito una cosa… l’aceto di mele si può mescolare anche al detersivo in polvere per lavastoviglie? E come si fa a dosarlo? Io compro il detersivo in polvere (almacabio) in sacchettoni, che poi travaso a poco a poco in un flacone. Sapresti dirmi quanta polvere diluire in quanto aceto?
    Grazie!

  42. @eva serena: si e no, questo esprimento è fatto con il detersivo per i piatti normale, con quello in polvere per lavastoviglie eco-bio non ho mai provato, a naso ti direi di si e se metti un cucchiaio di detersivo io aggiungerei un cucchiaio di aceto, per fai qualche esperimento e magari vieni a raccontarmi come va 😉

  43. @stefania: forse perché sei abituata ai normali detersivi da lavastoviglie che contengono vere e proprie bombe, ovvio che non si può usare con piatti e pentole incrostati, bisogna fare un prelavaggio con l’acqua nel lavello (chiuso), dai detersivi ecologici non si possono pretendere i risultati di quelli chimici, però ne giovano l’ambiente e il nostro organismo che non si mangia tutti i vari residui…

  44. salve,
    sono capitata da queste parti perchè è da un po’ che sto utilizzando il det. per lavastoviglie fatto in casa. ho provato la riceta che “impera” on line, quella con limoni sale aceto e acqua. Prtroppo i piatti sono puliti solo come se fossero sciacquati in acqua caldissima, non sono grassi,si,ma le minime incrostazioni anche di sugo secco sui piatti non vanno via ela plastica invece si la trovo grassa e anche il vetro. Poi mi resta un bel po’ di residuo nella vaschetta e nel filtro. un po’ schifoso in verità.
    Proverò sicuramente la tua ricetta, ma ho un dubbio: in quel famoso sito della ricetta dice a chiare lettere che i detersivi industriali sono alcalini e quindi non bisogna usarli insieme con l’aceto. Non sono chimico e non mi spiego…tu ne che pensi?
    Grazie

  45. Ciao Alessandra, benvenuta 🙂
    Io il detersivo con i limoni l’ho letto mille volte ma non l’ho mai provato perché per i miei tempi è davvero troppo laborioso. Questa cosa dell’alcalinità è uscita tantissime volte in relazione ad alcune mie ricette ma non l’avevo mai sentita in relazione ai detersivi industriali, anch’io non sono un chimico e quindi tecnicamente non ho una risposta, ma il detersivo lo uso ormai da anni e mi trovo bene. Considera che non essendo un detersivo industriale per lavastoviglie non ha la stessa potenza, quindi io faccio un prelavaggio delle stoviglie nel lavello con una spugnetta in modo che i residui vadano via, ancora meglio se come acqua usi quella della cottura della pasta, così riciclo su riciclo 😉

  46. uso da mesi il vostro detersivo per lavastoviglie, è eccezionale!
    L’unico inconveniente è che le lame dei coltelli e le parti metalliche rimangono macchiate: che cosa posso fare per evitare questo problema?

  47. Strano che ti succeda questo, usi il sale nella lavastoviglie? Io ho smesso di usarlo (da anni) perchè dava vari problemi e ho risolto…

  48. ciao a tutti! Anche io uso da qualche tempo questo detersivo tutto in uno e mi trovo molto bene. ho usato l’aceto bianco ma la prossima volta userò quello di mele. Io però uso il sale e anche il brillantante all’acido citrico. Perchè hai smesso di usare il sale? i piatti vengono bene lo stesso anche senza sale?
    Grazie per tutti gli utilissimi consigli.
    ciao. Elena

  49. Ciao Elena, benvenuta 🙂
    Io ho smesso da tantissimi anni di usare sale e brillantante, il motivo è che sono pigra e odio gli sprechi, quando mi sono accorta che i piatti venivano benissimo anche senza, che la mia lavastoviglie stava altrettanto bene (ormai ha quasi 15 anni) e che potevo evitare di aggiungere altre sostanze chimiche sulle stoviglie, addio 😉

  50. grazie per la risposta immediata. A me sembra che senza sale e brillantante i piatti non vengano bene, rimangono “opachi”. Quindi continuerò ad usare sia il sale che il brillantante (quello all’acido citrico), almeno per ora. ma mi hai messo la pulce nell’orecchio: quasi quasi provo anche io. Grazie ancora per i tuoi utilissimi consigli. A presto. Elena

  51. Scusate….. ma se insieme al cucchiaino di detersivo fai da te uso l’aceto come brillantante va bene? e dite che posso fare senza sale, anche quando la spia rimane accesa x segnalarlo? non è che mi ritrovo la lavastoviglie rotta? Grazie dei consigli che vorrete darmi!!

  52. Ciao Rita e benvenuta. Per la mia esperienza sia brillantante chimico (l’aceto va benissimo) sia il sale sono del tutto superflui, la mia lavastoviglie non ha la spia per il sale ma io ormai sono anni e anni che non lo uso più e va benissimo, fai qualche prova e vedi se il risultato ti soddisfa 😉

  53. Grazie per le bellissime e utilissime idee che mi avete dato. Devo proprio provare con la lavastoviglie se funziona per me. Ma se metto l’aceto in più lo metto nel apposito del brillantante o lo mescolo al detersivo già mescolato prima? Visto che ho l’acqua dura credo di doverne mettere di più.

  54. Ciao,
    l’altra sera ho provato a fare la lavastoviglie con solo bicarbonato…. i piatti sono venuti puliti, ma si rovinerà qualcosa?

  55. Pensavo che alla lavastoviglie il bicarbonato potesse corrodere qualcosa…. farò altre prove (anche perchè quel giorno i piatti dalla lava li ha tolti mio marito) e se funziona davvero….pensa che comodità, anche meglio del detersivo ecologico per i piatti (quello fai da te)!!

  56. @rita: se non la corrodono i detersivi chimici che sono tossici e che non si devono toccare con le mani, sicuramente non la corrode il bicarbonato che si usa anche per i bagnetto dei bambini 😉
    Facci sapere come vanno le prove…

  57. Ciao ragazze… questa ricetta? Provata ed apptovata. Piatti puliti e sgrassati. Grandiosoooooo. Basta con quelle tabs costosissime e inquinanti e basta col brillantante. La mia lavastoviglie ora profuma di aceto. Tra l’altro, per la pulizia saltuaria io verso 1 kg di sale grosso sul fondo e giro la bottiglia di aceto nella vascetta e faccio partire il programma breve. La lavastoviglie si pulisce che è una meraviglia. Grazie mille per tutti gli spunti che mi avete dato e che proverò al più presto. Ciao michela

  58. Ciao, ho da poco una lavastoviglie e piena di buone intenzioni avevo comprato un detersivo liquido ecologico per lavastoviglie molto gelatinoso. Nella vaschetta del brillantante avevo già di mia iniziativa messo l’aceto di mele e sale marino al posto del sale. Ma i piatti e i bicchieri vengono abbastanza male, di base spesso rimane tutto sporco e mi tocca rilavare!
    Mia suocera mi ha consigliato le pastiglie liquide fairy (o un nome così), e devo dire che ha ragione, effettivamente le cose vengono benissimo. Anche se per noi non ci formalizziamo, se faccio una una cena, mi scoccia dare i piatti un po’ incrostati dal precedente pasto. Vivo a Roma quindi l’acqua è molto calcarea e opacizzante.
    Come uscire dal dilemma??

  59. @Olipal: ciao Olivia, benvenuta.
    Il problema è capire cosa si vuole ottenere dalla lavastoviglie, mi spiego: se vuoi solo un lavaggio veloce e “potente” ma non te ne importa nè dell’inquinamento ambientale nè di quello che rimane attaccato ai piatti (e che ti mangi insieme alle portate successive al lavaggio) Fairy va benissimo, fa il suo lavoro in modo egregio (credo perchè non le uso 😉 ), invece se ti interessa di più pensare ai residui sui piatti e a quello che finisce nello scarico Fairy non è adatto ma ci vuole un po’ di attenzione in più prima di mettere i piatti in lavastoviglie, con fairy forse puoi prenderli da tavola e metterli dentro senza pensare ad altro, con i detersivi ecologici e/o autoprodotti no, devi comunque fare una sorta di “prelavaggio” toliendo i residui grossi, riempiendo l’acquaio, lasciandoli a bagno almento qualche minuto e dare una passata velocissima con la spugna prima di metterli dentro. Questa può sembrare una scocciatura e una perdita di tempo ma in realtà aiuta anche la tua lavastoviglie a restare “giovane” anche dopo tanti anni e aiuta i detersivi meno aggressivi a lavare bene le tue stoviglie senza residui ed incrostazioni che oltre che brutti a vedersi sono anche antigienici 🙂
    Non c’è un modo giusto ed un modo sbagliato ma ognuno deve scegliere in base al proprio sentire, fammi sapere se provi con il sistema ecologico e come va 😉

  60. oggi ho fatto la 1° lavastoviglie con questo detergente ho aggiunto anche un cucchiaino di bicarbonato; tutto bene. erano 3 mesi che usavo il detersivo ai limoni-sale e aceto ottimo ma più lunga la preparazione. grazie per tutti i consigli!

  61. Salve volevo ringraziarvi per questo detergente è veramente ottimo non solo per la lavastoviglie ma anche per sgarssare tutta la cucina l’acciaio è più brillante che mai grazie ancora.

  62. io lo uso anche per il bagno; dentro il gabinetto ed un pò nell’acqua per i pavimenti…. ho eliminato tutto ho solo una bottiglia…. dimenticavo una goccia nell’acqua per i vetri… è un miracolo

  63. ciao Casa Organizzata. Complimenti vivissimi per i tuoi consigli! Sei proprio geniale Oggi sono senza detersivo per la lavastoviglie e sono venuta a leggere come poter fare ed ho trovato il tuo blog. Sono corsa a preparare il detersivo : ho messo mmetà sapone per piatti, aceto di mele ed un pizzico di bicarbonato, ho agitato tutto ma nella bottiglia si è formata la schiuma, dove ho sbagliato?

  64. @Fedora: non dovevi mettere il bicarbonato ma solo l’aceto 🙂
    Un po’ di schiuma la fa comunque ma non serve agitare tanto e basta mettere pochissima miscela nella lavastoviglie come ho indicato nel post.
    Comunque adesso se hai messo solo poco bicarbonato puoi usarlo ugualmente come se il bicarbonato non ci fosse.

Rispondi