01/01/2011, Poste Italiane aumenta le tariffe fino al 100%

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

Oggi ho scoperto che Poste Italiane fa un bel regalo di Capodanno a tutti gli italiani, dal 1° gennaio 2011 aumenti delle tariffe di posta prioritaria verso l’estero.

Com’è già capitato negli anni scorsi non è un aumento da poco, si va da un minimo del 15% fino ad un massimo del 100%.

Ad esempio per una busta formato “normalizzato” fino a 20 gr. (che vuol dire solo un foglietto per una letterina e nient’altro, altrimenti si sale con il peso):

verso  l’Europa (zona 1) aumento del 15% circa da  €0,65 a €0,75
verso Africa Asia Americhe (zona 2) aumento del 100%, da €0,80 si raddoppia fino ad arrivare a €1,60
verso l’Oceania (zona 3) si passa da €1,00 a €2,00, altro aumento del 100%

Anche quest’anno sono venuta a conoscenza degli aumenti per puro caso, per quanto ne so nessun telegiornale ha dato la notizia…

Questo l’unico articolo online che ho trovato sull’argomento: Tariffe, aumento di fine anno posta estera e atti giudiziari.

Seguimi anche su Facebook:

9 pensieri su “01/01/2011, Poste Italiane aumenta le tariffe fino al 100%”

  1. vergogna!
    quest’anno dopo piu’ di 10 anni disdico il mio abbonamneto alla casella postale. Non è piu’ un gran servizio: non si possono ricevere i pacchi, non sempre ti segnalano le raccomandate…
    per non parlare dei tempi vergognosi di consegna dei pacchi. Io mi serviro’ dei corrieri privati d’ora in poi.

  2. il livello dei servizi è vergognoso ho due reclami in corso uno per consegna non effettuata ed uno per mancato recapito della spedizione. I disguidi possono succedere ma è la gestione del disservizio che è inqualificabile! Il call center è strutturato per prendere in giro i clienti e nessuno fa niente! E visto che è una società a capitale pubblico ancora i volta i nostri politici dimostrano nel concreto quello che sono in grado di fare !!! Chiacchiere e basta !!!!

  3. vivo negli stati uniti e ricevo regolramente pacchi dall’italia (i pacchi gialli sotto ai due chili, per intendersi.
    normalamente ci mettevano 5-10 giorni.

    quest’anno da gennaio mi sono stati spediti gia’ 4 pacchi.

    non solo gli aumenti sono vertiginosi (ad esempio mia suocera spedisce giornaletti per i miei figli e per spedire un topolino ora il cost e’ superiore gli otto euro. veramente improponibile, ma fino ad ora NESSUNO DEI PACCHI E’ STATO CONSEGNATO!!!

    qualcuno sa se oltre al completamente ingiustificato aumento delle tariffe, e’ stato cambiato qualcos’altro a livello organizzativeo? mi sembra incredibile che da un giorno all’altro i pacchi abbiano smesso di arrivare.

  4. mi spiace piero, non so darti ragguagli su cambiamenti a livello organizzativo, però anche per le spedizioni in Italia abbiamo grandi problemi, figuriamoci con quelle all’estero…

  5. Per dovere di cronaca, per spedire in USA una busta da 50 a 100 grammi ci volevano 1,85€. Dal 1 gennaio è passata a 3,80€. Dalla settimana scorsa è scattato un ulteriore aumento: 4,00€
    Aumento complessivo: 116%

    Anche le tariffe citate nell’articolo iniziale sono da rivedere… in più.

    Rimpiango quando le Poste erano dello Stato. Forse funzionavano meglio e certamente costavano meno.

  6. Aumenti vergognosi, servizi quasi in linea. La cosa peggiore è che nessuno si sogna di avvertire i cittadini degli aumenti. U bel giorno ti svegli e “sei obbligato” ad adeguarti. Peccato che in Italia non siamo bravi a ribellarci. Accettiamo tutto, brontolando. E le associazioni dei consumatori dove stanno? Chissà perchè alcune cose passano inosservate. Forse perchè nessuno ci guadagna ad occuparsene? Che schifo questa Italia resa marcia dai suoi stessi gorvernanti.

Rispondi