Ecco qui un altro esperimento velocissimo nella preparazione e nell’impasto, ma con una lievitazione lunga tutta da fare in frigo.

Per me che di solito lascio lievitare a temperatura ambiente è stata una bellissima sorpresa nata per caso.

L’altra sera ho impastato tardissimo e non potevo lasciar lievitare a temperatura ambiente tutta la notte, altrimenti con la mia Pasta Madre attiva l’avrei ritrovato acido al mattino, ho deciso di impastare velocissimamente e mettere subito in frigo perché volevo andare a dormire!

Nel pane con Pasta Madre io trovo sempre un leggero retrogusto acido, non è che mi dia fastidio ma se non ci fosse sarebbe meglio, questo pane con la lievitazione di 12 ore in frigo lo perde completamente!

La ricetta è semplicissima e l’impasto si fa in 5 minuti d’orologio, si da la forma immediatamente e si mette in frigo, niente secondo impasto né seconda lievitazione ma il risultato è un pane davvero buono…

Ingredienti

Seguimi anche su Facebook:

-200/250 gr di Pasta Madre (di solito io ne uso 200 gr. ma questa volta ne avevo un po’ di più e l’ho usata)

– 400 gr. di farina a piacere (io ho usato 100 gr. di farina di riso + 300 gr. di semola rimacinata)

LEGGI ANCHE  Dado di carne fatto in casa: facile, veloce e buono

– 1-2 cucchiaini di sale fino

– 1-2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

– 1 cucchiaino di zucchero, malto o miele

– acqua q.b. per ottenere un impasto elastico ma morbido e non appiccicoso (perdonatemi ma io non peso mai l’acqua, vado a occhio…)

Si impasta prima nella ciotola con il cucchiaio e poi si versa il pre-impasto sulla spianatoia (con sotto un po’ di farina) e si impasta energicamente per 4-5 minuti, eventualmente aggiungendo un pochino di farina se l’impasto è troppo molle.

Quando l’impasto è elastico si forma una pagnotta rotonda, si pone in una ciotola capiente con sotto carta da forno spolverata di farina, si fanno i tagli sopra, si copre la ciotola con un piatto piano e si mette subito in frigo.

La lievitazione dura 12 ore all’incirca tutte nel frigorifero, non è il caso di essere troppo fiscali ma è meglio non ridurre i tempi, invece penso che si possano aumentare le ore di lievitazione in frigo anche di 1 o 2 senza problemi, comunque farò delle prove 😀

Terminato il tempo basta accendere il forno e infornare direttamente dal frigo, in forno caldo a 200° per 10-15 minuti, poi si può abbassare a 180° per 25-30 minuti, rigirando la pagnotta ogni tanto in modo che si cuocia bene sia sopra, che sotto che all’interno.

LEGGI ANCHE  Salviette umidificate delicate faidate per cambio bebè

Si dovrebbe spegnere il forno e lasciar raffreddare bene il pane prima di tagliarlo, io non ci riesco quasi mai…