Per eco genitori: Pasta di Hoffman fai da te

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

foto di japeye

Da mamma di due bimbi ho sempre cercato alternative naturali ma allo stesso tempo efficaci per i piccoli inconvenienti che capitano strada facendo.

 

Oggi inauguro una nuova rubrica del blog dedicata proprio agli eco genitori come me 😉

 

Per questo primo appuntamento voglio parlare di un rimedio che è migliore di tutti quelli che ho trovato in commercio ed allo stesso tempo è naturale e si prepara in poco tempo e con pochi ingredienti, la Pasta di Hoffman.

 

Anche in questo caso la ricetta che ti propongo è in collaborazione con www.nonnaelvira.com.

Seguimi anche su Facebook:

 

La Pasta di Hoffman è una crema barriera con una percentuale molto alta di ossido di zinco (fino al 50%) in sospensione in olio vegetale (di solito olio extravergine d’oliva) che ha proprietà emollienti, lenitive e di barriera anche nei confronti dei raggi UV.

 

zinco ossido, 100 gr.
olio extravergine di oliva, 160 ml

 

 

Versa l’ossido di zinco in una tazza capiente ed arrotondata, aggiungi l’olio lavorando accuratamente, con una spatola, fino al formarsi di una crema morbida e senza grumi.

 

Terminata la lavorazione puoi eventualmente regolare la densità, se ti sembra troppo dura aggiungi olio a cucchiaini lavorando dopo ogni aggiunta o, viceversa, se è troppo fluida aggiungi ossido di zinco sempre lavorando.

 

Quando avrai trovato la consistenza giusta invasa in un barattolo con coperchio, non è necessario aggiungere conservanti e si conserva a temperatura ambiente.

 

Alla ricetta di base possono essere aggiunti altri ingredienti per aumentare una delle proprietà specifiche oppure può essere cambiato il mezzo di sospensione per farla diventare una Pasta all’acqua, prossimamente ti illustrerò anche le varianti.

17 pensieri su “Per eco genitori: Pasta di Hoffman fai da te”

  1. @marco: no non va bene, sono andata a cercarmi online la definizione di “fiori di zinco” perchè non l’avevo mai sentita, se vuoi chiarirti le idee la trovi su vikipedia qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Idrozincite. E’ una sostanza completamente diversa, per la pasta di Hoffmann devi trovare lo ZINCO OSSIDO (che è una polverina bianca impalpabile)

  2. Ciao, complimenti per le ricette! Per cosa si usa questa pasta, irritazioni di pannolino?

    Per quanto tempo si conserva, si vede quando va a male?

    Grazie!

  3. Buongiorno, mi chiamo Tiziana e sono mamma di Filippo, uno scalmanato bambino di poco più di due anni. Volevo lasciare il mio contributo e la mia esperienza sulla pasta Hoffman. Io è da circa un anno che ho optato per una scelta un poco bio nelle nostre vite, ed ho iniziato proprio con Filippo, comprando ed utilizzando pannolini lavabili e preparando la pasta hoffman utilizzando Olio EVO. Direi che mi sono trovata benissimo, Filippo ha una pelle molto delicata, incline agli arrossamenti… bene questa pasta è molto efficace sia come prevenzione sia, in caso di arrossamenti o irritazioni per calmare. Sono molto soddisfatta della mia svolta Eco. Una buona mattinata a tutti.

  4. @Richetta: si usa per le irritazioni da pannolino come crema barriera, ma anche per tutte le irritazioni in genere.
    Si conserva praticamente all’infinito perché non c’è l’acqua, diciamo che l’unico problema può essere l’irrancidimento dell’olio e quello si sente annusandolo.

    @Tiziana: benvenuta e grazie infinite per la tua testimonianza, qualche volta bastano piccoli passi per cominciare, in realtà sembrano piccoli ma sono grandi 😉

  5. Salve, dopo aver girato parecchie farmacie ed essere stata presa x pazza finalmente sono riuscita a procurarmi l’ossido di zinco…..ma sul barattolo è scritto tutto in tedesco e c’è la figura di un pesce morto…..è il prodotto giusto? Come faccio a essere sicura che sia quello che serve x la crema???? Aiutooooooo

  6. @Sara: oddio è una polvere bianca bianca e finissima? Se lo è dovrebbe essere lui!
    Il pesce morto credo significhi che non si deve versare nelle acque…
    Magari prova a tradurre il tedesco con google…

  7. Infatti, ho tradotto e sice di non disperdere nell’ambiente e che è nicivo per i pesci….. La crema l’ho fatta ed è fantastica…..grazie….

  8. Ciao,
    riguardo al fatto che sia dannosa per la fauna acquatica, ci sono anche altre sostanze che consideriamo bio che però lo sono, come le famose noci di sapone che alcuni usano per fare il bucato.

    Immagino che l’importante sia che non si butti la sostanza nello scarico. Male che vada si può gettare nei bidoni dei farmaci scaduti.

    Per quanto riguarda l’ossido di zinco sulla pelle, però, leggevo che fa si da filtro, ma nello stesso momento danneggia le cellule che ne vengono a contatto.
    Sono studi ancora non conclusi, per cui penso che ci siano, come sempre, pareri favorevoli e pareri contrari.
    La verità? Chi lo sa se la scropriremo presto?

Rispondi