Genitori: il cartellone delle regole da stampare

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

il cartellone delle regole di Mammafelice

Questa volta non l’ho fatto io ma Mammafelice, il cartellone delle regole, con gli adesivi per segnare i traguardi, è talmente bello e ben fatto che te lo segnalo con molto piacere!

 

Anzi lo scaricherò e lo stamperò anch’io, con due bambini in età prescolare ne ho proprio un gran bisogno 😉

 

La filosofia è quella delle varie “tate” televisive, io adoro Jo Frost, la tata inglese in US, mentre Mammafelice preferisce la “tata Lucia” italiana, ma il metodo è molto molto simile.

 

Io ho già realizzato un cartellone con tutte le regole disegnate e ritagliate, con annesso cartellone dei punteggi, ecco una foto, tanto per farti capire meglio cosa mi invento per far ubbidire i miei due mostrilli…

Seguimi anche su Facebook:

 

il cartellone delle regole  il cartellone dei punteggi

 

Ma i tuoi figli seguono delle regole? Quali? Come fai a farle rispettare?

2 pensieri su “Genitori: il cartellone delle regole da stampare”

  1. Quando capita seguo anch’io “le tate”, sia straniere che italiane, e quindi parecchie volte ho visto di questi cartelloni. Può essere un modo per coinvolgere i bambini e non limitarsi a dirgli “questo non si fa perché te lo dico io”.
    Il mio pupo ha 2 anni, mi sa che è piccolo per questo ma conservo l’idea per il futuro. Certo se riuscissi a fargli capire di smettere dik urlare e di correre almeno due minuti….. !!!!!! 🙂

  2. ciao! è carina quest’idea, io sto facendo la baby sitter a una bimba di 4 anni e un bimbo di 6 mesi quindi capita a fagiolo, l’unico appunto che ho da fare è questo: perchè invece dell’elenco dei divieti non fai un vero e proprio elenco delle cose da fare? è programmazione neurolinguistica, sto cercando di applicarla anche con i “miei” bimbi.. se ci fai caso anche le tate per lo più quando mettono le regole le esprimono in maniera propositiva, non come divieti, al limite i divieti li usano per le cose gravi…
    quindi il cartellone potrebbe essere:
    “si parla con un tono di voce adeguato” (o si parla a voce bassa)
    “in casa si cammina, si corre solo al parco”
    “si ubbidisce a mamma e papà”
    ecc…
    è una questione di stato d’animo 🙂 volto al positivo e a vedere le cose belle che fanno e non le cose brutte, insomma a non impostarla come una guerra…
    e funziona molto bene non solo con i bambini… insomma è più rassicurante sentirsi dire. “bisogna fare questo questo e quest’altro” piuttosto che “non puoi fare questo non puoi fare quello…” come quando iniziamo un nuovo lavoro per il quale non abbiamo esperienza, ci prendono e ci insegnano, non ci dicono quello che non dobbiamo fare 😉

Rispondi