[benessere] impara a dire NO!

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

impara a dire NO

Entro nel vivo della rubrica dedicata al benessere con un tema scottante!

 

Il problema di non riuscire a dire NO quando è il momento è soprattutto nostro, siamo noi donne sempre combattute fra quello che gli altri vogliono da noi e quello che vogliamo noi 🙁

 

Non riusciamo a dire NO perché vorremmo sempre ricevere l’approvazione di tutti, per non ferire i sentimenti altrui o perché vorremmo che gli altri ci fossero riconoscenti invece, anche se acconsentiamo a tutte le richieste, restiamo sempre deluse nelle nostre aspettative, accumulando rancore e sentimenti negativi a livello inconscio.

 

Ti riconosci in questo ritratto? Bene, allora sei decisamente una donna 😉

Seguimi anche su Facebook:

 

Invece è importantissimo imparare a dire NO e dovresti sempre farlo quando:

 

– ricevi delle richieste inopportune

– la richiesta corrisponde alla violazione dei valori in cui credi

– la richiesta riguarda cose che dovrebbero essere fatte da altre persone

– ricevi una richiesta che intralcia i tuoi programmi

 

Come dire NO è una cosa che si può imparare, ecco alcuni suggerimenti:

  1. se devi dire un NO fallo subito, non alimentare false speranze tergiversando.
  2. non sentirti obbligata a giustificare ed argomentare ogni rifiuto
  3. rifiuta senza impazienza o collera, un rifiuto gentile e cortese è difficile da controbattere
  4. se puoi cerca di fare una controproposta, proponi una alternativa che soddisfi sia te sia il tuo interlocutore.

4 pensieri su “[benessere] impara a dire NO!”

  1. splendido post, grazie.

    io sto per traslocare in un nuovo appartamento, non sarò in ufficio e non avrò per un po’ il pc a casa.

    ti leggerò appena posso. nel frattempo appenderò nella mia nuova lavanderia il tuo planning giornaliero e il tuo planning settimanale, già plastificati e pronti per diventare la mia nuova “bibbia”. e ti penserò.

    🙂

    a presto, cemb

  2. Manuela, la prima volta li aiuti a farle espieghi, la seconda volta devono essere in grado di farle anche da soli, a meno che non siano bambini piccoli piccoli! 😉

Rispondi