Chi c’è dietro Casa Organizzata?

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

Qualche volta succede che ci siano persone che non ci conoscono e che, malgrado questo, si mettano ad esprimere giudizi sul nostro lavoro. A me è successo proprio in questi giorni e la cosa non mi piace per niente!

Ormai sono anni che scrivo qui e su altri blog sia miei che di grandi aziende, Casa Organizzata è nato nel 2007 da una "costola" dell’omonimo gruppo su yahoo e poi ha assunto una propria ideantità fino a diventare quello che è adesso, per me è un grande risultato e spero che lo sia anche per te che mi leggi.

L’accusa più grave che è stata fatta in questi giorni è che le "Recensioni buoni prodotti" che io curo con tanta passione e che sono assolutamente personali e del tutto scollegate da sponsorizzazioni o da accordi (economici o di altro tipo) con le ditte citate, siano invece delle recensioni a pagamento.

Questa cosa mi ha proprio fatto arrabbiare, tanto da pensare di affiancare una nuova rubrica "Recensioni cattivi prodotti" o qualcosa di simile, e ci sto davvero pensando, anche se ritengo che la critica distruttiva su prodotti, aziende e servizi non sia mai una cosa molto utile, anzi ci terrei a sentire anche il tuo parere perché qui, oltre a me, ci sei anche tu come protagonista.

Nel frattempo ho deciso di inserire una nuova pagina Chi sono in cui ti racconto qualcosa di me, tramite un video che ho realizzato qualche settimana fa, e che si affianca alle consuete:

  • 13 pensieri su “Chi c’è dietro Casa Organizzata?”

    1. Vai avanti per la tua strada.
      I tuoi consigli sono utili.

      Però secondo me non sarebbe male nemmeno una recensione cattivi prodotti perché potrebbe aiutare i lettori ad evitare di spendere soldi inutilmente.
      Dopodiché si tratta sempre di opinioni, ognuno può farne il proprio uso.

      Ciao.

    2. Cara Alessia,
      io non ti conosco personalmente e non so tutto su di te, ma da quel poco che ho potuto apprendere leggendo i tuoi blog, ho capito che sei una persona schietta e sincera.
      Probabilmente chi ha dato quel giudizio non ti conosce nemmeno un pochino.
      Ricordo alcuni post dove hai fatto pubblicità non spontanea e lo hai detto chiaramente e son certa che se le recensioni sui prodotti fossero state “richieste da un’azienda” non avresti avuto problemi a dirlo.

      Son del parere che devi continuare così come stai facendo, recensendo prodotti che pensi siano utili, perchè alla maggior parte dei tuoi lettori importa il tuo utilissimo parere!!!

      E se a qualche raro lettore questo non dovesse piacere…se ne dovrà fare una ragione 😉

    3. Ciao, seguo da un po’ il blog e ho trovato molti dei vostri consigli decisamente utili. Sul fatto di aprire o no una rubrica “Recensioni cattivi prodotti” mi schiero dalla parte del no 🙂 tra le altre attività sono istruttore cinofilo e credo che premiare il comportamento giusto sia decisamente più proficuo che punire quello sbagliato (andrebbe applicato a molti campi, si migliorerebbe tanto), quindi sì alla rubrica dei buoni prodotti, no a quella dei cattivi. In ogni caso le malelingue parleranno sempre e sono quasi sicura che se dovessero trovare la rubrica sui cattivi prodotti finirebbero per dire che gli “altri” vi hanno pagato per screditarli 🙁

    4. a parte il fatto che se una cosa non ci piace non la dobbiamo leggere o criticare per forza…tu ti metti a disposizione degli altri con i tuoi consigli e la tua esperienza ed io ti ringrazio per questo, sarà chi ti legge a decidere ciò che gli piace o no.
      A me piace l’idea della rubrica cattivi prodotti, a volte pensi di voler comprare qualcosa, magari via internet e sapere cosa ne pensa qualcun altro (nel bene o nel male) può essere utile.
      Fai ciò che ritieni giusto e stai serena.

    5. Ciao!
      ti seguo da poco, ma penso che tu debba fare ciò che ti senti di fare. non devi giustificarti con nessuno se preferisci un prodotto ad un altro;in fondo, nessuno è obbligato a seguire ciò che scrivi o suggerisci. se non si è d’accordo o si pensa che ci siano delle forzature, basta cambiare pagina. comunque credo che chi vuole gettar fango sul lavoro altrui troverà sempre un pretesto per farlo nonostante la qualità dell’impegno; tu “non ti curar di loro, ma guarda e passa”!continua così!

    6. Io credo che se fai una cosa con passione ed in maniera etica anche se subisci degli attacchi questi non possono trovare strada. Molte volte questi attacchi sono fatti per provare a smontare qualcuno che ci fa paura per la sua professionalità e serietà. Buon lavoro

    7. A parte che non ci sarebbe proprio nulla di male a recensire (recensire non vuol dire incensare)dei prodotti dietro “accordi”, la gente forse non sa nulla di come si comportano le grandi aziende. Che quando ti propongono un prodotto non ti chiedono di parlarne bene, ma solo (eventualmente e a tua discrezione) di parlarne, nella maniera che ritieni tu più opportuna, rilevandone quelli che tu – a tuo libero giudizio – ritieni dei pregi o dei difetti.
      So molto bene come ti senti, Ale, ma vai avanti per la strada che hai scelto, non c’è crescita senza critica e la critica alla quale mi riferisco non è quella che ti è stata mossa ma quella che eserciti ogni giorno col tuo lavoro e la tua intelligenza, e la crescita è la nostra che ti leggiamo con interesse e senza paraocchi.
      Grazie per il tuo impegno!
      Alessia

    8. Ciao Alessia, ti seguo da molto tempo, ma non ho mai scritto. Più per fretta che per altro. Ho letto le tue recensioni qualche giorno fa e ho scoperto sul sito che hai citato diversi prodotti interessanti. Anch’io mi sono stupita una recensione gratis, non è una cosa molto comune, ma poi mi sono detta: perché no? E’ gentile da parte sua nei confronti delle sue letterici, rende la recensione comunque affidabile e ne avrà sicuramente un ritorno in termine di visite. Certo non apprifittarne può sembrare un po’ “stupidotto”, visto il guadagno che sicuramente procurerai anche a loro. L’unica cosa che io non avrei fatto è di mettere il link al loro sito, vista l’assenza di “link” tra te e loro.
      Però quelli sono affari tuoi, no?! Perché fare la dietrologia di tutto? Perchè essere sempre maligni e diffidenti?
      Per i prodotti “cattivi” io sarei favorevole, non per punire qualcuno, ma per segnalare un esperienza negativa, motivandola con chiarezza, in modo che i lettori possano valutare se quel prodotto è adatto alle loro necessità oppure no.

    9. ma dai Maia… c’e’ tanta gente ridicola in giro che si diverte a dare aria ai polmoni e… pigiare sui tasti del pc.
      non ti curar di loro, ma leggi e… DELETA

    10. Ciao a tutti!mi chiamo Lucia e da qualche mese leggo questo blog con interesse…da poco vivo con il mio fidanzato e, visto il cambio di vita,mi sono subito prodigata a cercare su google “come organizzare la casa”… e sono finita direttamente qui!! questo blog era proprio quello che cercavo!
      Intanto dunque complimenti!Ho trovato tantissimi suggerimenti: dal planning alle ricette gustose e veloci ai rimedi ecologici su come pulire casa…
      IO sono contenta che ci siano ancora persone che hanno voglia di dare consigli,su tutto quel che sanno e che imparano e che le vogliano condividere con tanti altri amici che si ritrovano qui per gli stessi motivi!!
      Chi non condivide può anche cercarsi dei blogs che siano loro più di gradimento no!???
      Continua per favore a dare consigli…Anzi se verranno in mente a me le condividerò con tutti voi!!
      Grazie e ciao!!

    11. Ho già commentato…ma ripensavo a questo argomento proprio ieri,
      perchè è una cosa che faccio anche io, q se una cosa mi piace non posso fare a meno di parlarne, sia nella vita vera che virtuale.
      Questo modo di fare si chiama “altruismo”…perchè non sempre ciò che si fa lo si fa solo sotto compenso, delle volte lo si fa perchè si ha piacere a farlo.

    12. Ho già commentato…ma ripensavo a questo argomento proprio ieri,
      perchè è una cosa che faccio anche io, quella di “sponsorizzare” gratuitamente.
      Se una cosa mi piace non posso fare a meno di parlarne, sia nella vita vera che in quella virtuale.
      Questo modo di fare si chiama “altruismo”…perchè non sempre ciò che si fa lo si fa solo sotto compenso, delle volte lo si fa perchè si ha piacere a farlo.

    Rispondi