Spray pulitutto fai da te riciclando bucce di agrumi

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

Spray pulitutto fai da te riciclando bucce di agrumi

Qualche tempo fa sul gruppo Autoproduzione e faidate su Facebook abbiamo cominciato a parlare della possibilità di creare cosmetici e detersivi a partire dalle bucce degli agrumi.

La mia omonima Alessia B. aveva letto da qualche parte questa possibilità e ci raccontava gli esperimenti fatti.

Io devo dire che non avevo mai pensato a questa possibilità ma l’idea mi è piaciuta subito così mi sono messa a cominciare qualche prova con le bucce dei mandarini che avevo in casa.

Il mio primo ottimo risultato di detersivo ecologico ed economico è proprio lo spray pulitutto per superfici dure che ti racconto oggi.

Ingredienti

– bucce di agrumi possibilmente biologici (vanno bene tutti dal mandarino al pompelmo)

Seguimi anche su Facebook:

– 50 ml. di aceto bianco o aceto di mele

– 50 ml. di alcool buongusto o alcool denaturato

– 400 ml. di acqua

– capiente vaso di vetro ad imboccatura larga (da 1 litro in su)

Queste dosi sono per fare mezzo litro di soluzione, ovviamente possono essere moltiplicate a piacere per fare quantità maggiori.

Per le bucce non ho messo un peso ma più bucce ci sono e maggiore ovviamente sarà la concentrazione di oli essenziali di agrumi disciolti nel nostro detersivo.

Ho indicato che è meglio usare agrumi biologici ma non sempre si trovano o non sempre abbiamo la possibilità economica di acquistarli, se li hai NON biologici prima di mangiarli è buona regola lavare accuratamente la buccia con sapone di Marsiglia in modo da togliere il più possibile residui di cere, pesticidi e polvere e poi ricordati di tenere sempre da parte le bucce 😀

In una brocca o in un vaso capiente metti le bucce che hai recuperato, aggiungi l’aceto e l’alcool che aumentano il potere dello spray finale, fungono da solventi per l’estrazione degli oli essenziali dalle bucce e limitano la possibilità di muffe quando conserverai il detersivo finito.

Poi aggiungi l’acqua scaldata in precedenza, con un cucchiaio schiaccia un po’ le bucce e poi lascia riposare la miscela per 24 ore.

In queste 24 ore ogni tanto ricordati di smuovere e schiacciare un po’ le bucce in modo da favorire l’estrazione dei succhi. Già dopo pochissime ore comincerai a sentire un buon profumo di agrumi e l’odore dell’alcool e dell’aceto saranno completamente scomparsi.

Passato il tempo di riposo filtra il liquido con un colino e versalo in una bottiglia, il detersivo pulitutto è pronto.

E’ perfetto per tutte le superfici dure e in particolare per l’acciaio.

P.S. io lo uso anche per deodorare dopo aver pulito qualche piccolo incidente degli animali domestici sul pavimento :mrgreen:

13 pensieri su “Spray pulitutto fai da te riciclando bucce di agrumi”

  1. Alessia..sei veramente fantastica!!in questo periodo le bucce degli agrumi sono all’ ordine del giorno..e questo modo x riciclare e in più avere1detersivo ecologico è grandioso!solo1domanda..l’acqua da aggiungere..va solo intiepidita o fatta bollire?
    grazie x le tue splendide idee!!

    Cristina

  2. grazie Cristina, troppo buona 😀
    Io ho usato l’acqua calda dal rubinetto, va bene anche bollita ma lasciata raffreddare qualche minuto, oppure scaldata un pochino nel microonde.

  3. Ma bene! Ecco un’altra ricetta da provare appena avrò le scorze!! Le scorze si possono immergere voltaa per volta fino a quando c’è la quantità desiderata?

  4. @Rosangela: no, mettile da parte in un sacchettino di nylon in modo che non si secchino e fai la soluzione tenendole a bagno per 24 ore tutte insieme.

  5. ciao nonna papera 🙂
    vanno bene tutti e due i tipi, quello rosa è quello denaturato, quello da dolci è l’acool buongusto, il primo secondo me ha un odore più forte ma comunque per le pulizie va benissimo e costa molto meno…

  6. grazie del chiarimento..è che ho visto in giro detersivi fatti con parti dei 2 alcool miscelati e non ne capivo l’utilità e la differenza…ancora grazie…posso mettere il tuo link al mio blog?

  7. Ciao… Una domanda: ma una volta passate le 24 ore di infusione gli “scarti” si possono gettare nell’organico vista la presenza dell’alcool??? Io ho usato quello etilico! Grazie!!!

Rispondi