Ormai sono mesi che sono stata reclutata in un bellissimo gruppo di 10 blogger italiane (mamme e food blogger) per provare in anteprima Cuisine Companion il nuovo elettrodomestico Moulinex per la cucina.

Insieme abbiamo realizzato 100 ricette tipiche che diventeranno prestissimo un ricettario completo e testato sul campo.

Quando ci sono questi progetti di collaborazione tra grandi aziende e persone reali (ultra reali anzi, come me) mi rendo conto finalmente che qualcosa sta cambiando davvero, magari stiamo facendo solo piccoli passi avanti, ma alcuni produttori virtuosi si stanno accorgendo che non esiste più il consumatore un po’ ingenuo che si beveva le pubblicità piatte ed unilaterali della TV, quel consumatore si sta trasformando in qualcos’altro e ha voglia di conoscere e di prendere parte attiva nel processo di produzione.

Moulinex questa volta ha fatto proprio questo, si è messa in gioco con noi nel momento in cui ha deciso di portare in Italia questo nuovo prodotto (che in Francia esisteva già), ha ascoltato le nostre critiche e le nostre scoperte avvenute mentre provavamo davvero a casa il prodotto.

sugo alla Norma

Durante questo percorso ho imparato alcune cose su questo Cuco (affettuosamente soprannominato così da noi blogger) e la prima è che è molto versatile, questo perché ha tutta una serie di programmi preimpostati che si possono usare così come sono, oppure si possono modificare a piacimento, oppure ancora si può usare in versione completamente manuale e le combinazioni tra tempo, velocità e temperatura, unite alle diverse lame da scegliere, diventano infinite.

Ho imparato che è facilissimo da usare, basta avere voglia di sperimentare un pochino e mettere da parte la paura di sbagliare.

Con il Cuco non si sbaglia, al massimo si impara che è meglio un’opzione invece di un’altra. Ho fatto gelati velocissimi, creme dolci, risotti pieni di nutrienti (dal peperoncino alla salsiccia), polpettine e cotolette impanate vegetariane, carni varie , lievitati e cotture al vapore e non ho mai sbagliato un colpo, anche senza leggere il ricettario già in dotazione (chi mi conosce sa che sono refrattaria alle istruzioni, preferisco sperimentare liberamente) i risultati sono stati ottimi anche se avevo qualche dubbio, come sul Pesto alla genovese che di solito faccio in tutt’altro modo.

Seguimi anche su Facebook:

Altra cosa che per me è importantissima: ho imparato che è facile da pulire.

Grazie al grande boccale completamente in acciaio (satinato all’interno e lucidissimo fuori) e al coperchio che con un solo gesto si separa in due parti lavarlo è un’operazione veloce, evviva!

La quarta cosa che ho imparato è che usare questo tipo di elettrodomestici è ancora più bello se si è supportati da una comunità di persone normali che lo usano altrettanto, io ho avuto la fortuna di far parte del primo gruppo italiano e ho fatto tesoro dei consigli delle altre mamme che l’hanno provato in anteprima, così ho pensato di creare un gruppo per far incontrare e dialogare anche tutte le persone che lo stanno comprando ma anche quelle che sono indecise tra questo ed altri prodotti simili, i consigli di chi ce l’ha già sono sempre molto preziosi.

Il gruppo è bello ciarliero e se per caso ti interessa lo trovi qui:  Scuola di Cuisine Companion Moulinex – ITALY

sugo alla Norma

Risotto alla Creola

Cotolette vegetariane