Per chi ha voglia di preparare un concime davvero buono, a costo zero, è possibile fare il compost anche sul balcone, come ci spiega il dépliant dell’AMNIU di Genova e altri centinaia di siti e blog sparsi per il web.

Per chi invece vuole cominciare con qualcosa di più semplice è possibile concimare le piante, in casa e sul balcone, con tanti scarti della cucina così come sono, senza neanche “compostarli”, vediamo qualche esempio:

– Capelli e peli degli animali, tagliuzzati e posti sulla terra delle piante sono un ottimo fertilizzante che rilascia lentamente  varie sostanze utili soprattutto per le piante come salvia, basilico ed arbusti ornamentali.

– l’acqua di cottura delle verdure, se non è salata ed è a temperatura ambiente, contiene tante vitamine e va benissimo per innaffiare.

– anche un tè leggero lasciato raffreddare, fatto con le bustine già usate per il consumo umano va bene per innaffiare.

– le stesse bustine di tè usato, eliminando il sacchettino, e la bratta del caffè vanno bene come concime, l’importante è non usarle troppo spesso e non esagerare con le quantità, un cucchiaio al mese è la quantità giusta.

Seguimi anche su Facebook:

– anche l’acqua di cottura delle uova sode contiene tanti nutrienti che fanno benissimo alle nostre piantine, non buttatela ma usatela per innaffiare.

LEGGI ANCHE  Ricetta Shampoo fai da te tutto naturale e veloce

– quando finite il cartone del latte non buttatelo subito ma riempitelo di acqua e usate l’acqua per innaffiare, i residui di latte sciolti nell’acqua sono un ottimo nutrimento per piante e fiori, una volta a settimana.

– la cenere di legna, se avete una stufa a legna, una caldaia a legna o un barbecue, è un altro  ottimo fertilizzante ricco di potassio, però va usata con molta parsimonia, ne basta un cucchiaio ogni 2 mesi per vasi medio gradi, un cucchiaino per vasi più piccoli.