Detersivo fai da te ecologico per lavatrice

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

Detersivo fai da te ecologico per lavatrice

Sono anni che cerco un ricetta ecologica per la lavatrice che mi soddisfi, la ricerca è stata molto complessa e anche molto lunga e non so se sono arrivata al risultato definitivo ma questa volta il risultato non è affatto male.

La base di tutto è il “sapone alga” un sapone a base di olio di cocco che si trova anche al supermercato, nel reparto dei saponi da bucato.

E’ un sapone giallo carico, morbido e completamente trasparente.

La cosa buona è che si scioglie facilmente in acqua calda e che mantiene le sue proprietà anche diluito.

L’effetto, lo dico prima, non è come quello dei detersivi chimici normali che hanno dentro gli “sbiancanti ottici” insieme a varie altre schifezze, è un risultato più naturale, meno “splendente” alla vista ma molto più ecologico ed economico.

La preparazione è semplice ma necessita comunque di qualche passaggio e di qualche aggiunta semplice.

Seguimi anche su Facebook:

Ma andiamo a vedere insieme come si fa…

Ingredienti

– 1 litro di acqua

– 1 sapone alga

– bicarbonato

– oli essenziali a piacere (facoltativo)

In una pentola capiente versa l’acqua e aggiungi il sapone tagliato a pezzi, accendi il fuoco e porta a bollore, appena accenna a salire la schiuma spegni e continua a girare finché il sapone non si è sciolto tutto.

A questo punto il sapone liquido ecologico è pronto, dopo che si è raffreddato aggiungi un cucchiaino di oli essenziali (benissimo tea tree, lavanda e verbena anche miscelati) e imbottiglia.

Si usa mettendolo nel dosatore direttamente nel cestello insieme ad un cucchiaio di bicarbonato e aggiungendo anche 1/2 bicchiere di aceto nella vaschetta della lavatrice.

In realtà il bicarbonato puoi aggiungerlo già prima nella bottiglia (come ho fatto io nella bottiglia della foto) ma in questo modo tende a depositare e poi riscioglierlo è una scocciatura, bisogna agitare energicamente, per questo io dopo le varie prove lo aggiungo solo all’ultimo nel dosatore.

Va bene per bianchi e colorati anche delicati, per i bianchi puoi aggiungere anche una puntina di blu oltremare (detto anche “turchinetto” polvere blu che usavano le nostre nonne per avere bucati più azzurrati, lo trovi in drogheria).

Come ammorbidente puoi usare sia il solo aceto, sia quello della ricetta con il balsamo o anche niente come faccio io :mrgreen:

27 pensieri su “Detersivo fai da te ecologico per lavatrice”

  1. Ciao, tempo fa ho comprato il sapone alga, ma è lì che aspetta, perchè non sapevo come usarlo, quindi grazie del suggerimento.
    Una domanda però… quanto ne usi per ogni lavaggio?
    Grazie mille.
    Anna

  2. Io ho usato un dosatore che avevo in casa, non è di quelli grandi, è piuttosto piccolo e ne ho messo poco più di metà, magari per bucato molto sporco meglio metterne un po’ di più 😉

  3. ciao, ieri sono stata al biologico apposta per comperare il sapone alga ero convinta lì ci fosse e invece, non c’era. Ho capito che l unico modo per fare il det liquido per lavatrice senza impazzire è quello di usare questo tipo di sapone. mi puoi dire dov’è reperibile? e il costo com’è?
    grazie!

  4. Ciao Elisabetta, lo trovi nelle catene tipo Ipersoap e probabilmente anche nelle normali drogherie e forse anche al supermercato (devo controllare quando vado), il costo è basso, diciamo tra 1 e 1,3 euro a panetto.

  5. buongiorno a tutti, io ti seguo da tempo e ho trovato sempre molto utili i tuoi consigli.
    tuttavia sui detersivi fai da te ci sono degli errori base , se mi posso permettere, che sono facilmente correggibili leggendo in rete siti che si occupano di questo.
    aceto:non è ecologico, l’acido acetico inquina, meglio il citrico
    il detersivo che posti avra’ il risultato di ingrigire i capi, come tutto cio’ lavato con saponi e basta.
    il bicarbonato non ha alcuna funzione, è uno spreco in questo caso.
    non ha che un potere LIEVEMENTE addolcente, meglio acido citrico.
    mancano in questa ricetta un sequestrante e un tensioattivo un po’ piu’ potente, per esempio un pochino di detersivo piatti.
    puoi usare il percarborato sui bianchi e un po’ di soda.

    ma cosi’ come lo hai trovato/inventato non è efficace.
    son certa che lava, eh! ma solo perche’ è acqua e sapone.aggiungi che in lavatrice si diluisce tutti il ettolitri d’acqua…

    cosi’ come è di nessuna efficia il detersivo con limoni sale etc

    io ti/vi suggerisco di leggere il forum di promiseland, dove c’e’ anche un ecochimico che modera oppure saicosatispalmi.

    scusa se sono intervenuta cosi’, non ti voglio offendere, ma reputo il bio e l’ecologico cose fondamentali per il nostro futuro.e la tv e internet vanno purtroppo vagliati molto.

    spero di esserti stata utile come tu lo sei per me;-)

  6. Ciao Paola, ogni tanto lo leggo il forum di Promiseland (e molti altri, leggo tantissimo 😉 ) ed è davvero molto interessante, Fabrizio Zago è sicuramente un chimico con i fiocchi però qualche volta le prove sul campo rispetto alla teoria premiano.
    Sull’acido acetico e citrico non ho dubbi che presi “puri” abbiano un impatto diverso ma l’aceto come lo usiamo noi è ben diverso dall’essere acido acetico, è moooooooooooooolto diluito infatti è un acido debolissimo e quindi a conti fatti probabilmente sono inquinanti allo stesso modo visto che le soluzioni con acido cirtrico sono pià concentrate (forse ne ho anche già parlato qui sul blog).
    Poi c’è anche la questione costo/reperibilità sia per quanto riguarda l’acido citrico sia per quanto riguarda sequestranti & c. io cerco sempre di avere la miglior resa con la minima “spesa” (di tempo di soldi e di difficoltà varie) e quindi poco mi importa che se ci aggiungo un cucchiaio di qualcosa che però ho più difficoltà a trovare il detersivo lavi un pochino meglio, mi va benissimo riuscire a farlo in modo semplicissimo con una resa discreta (e ti assicuro che non ho visto grandi differenze rispetto a quelli industriali che pure tengo in casa e uso qualche volta).
    Però di commenti come il tuo, critici ma con educazione e cervello ne leggerei tutti i giorni, grazie e rileggendolo magari penserò ad alcune migliorie strada facendo 😉

  7. so bene che leggi, si percepisce dai post che non scrivi a caso;-)
    Una sola precisazione:quello che io ho scritto sull’aceto non è una mia riflessione personale, ma esperimenti di laboratorio di Zago, che come ricordavamo, è un chimico.
    certo il km 0 è un ottimo punto di partenza per migliorare il punto di vista sul mondo, tuttavia se ci dicessero che stiamo usando un prodotto che mobilita i metalli pesanti(cosa che lui afferma con chiarezza e in piu’ occasioni), staremmo qui a fare le barricate, mentre continuiamo imperterriti a utilizzare l’aceto.

    Un’ultima cosa: l’ingrigimento di cui parlo non è cosa da oggi per domani.
    Guarda che io sono assolutamente per i detersivi autarchici, son anche divertenti e son convintissima che non abbiamo grosse differenze anche perche’ li tariamo alla perfezione sulla durezza dell’acqua, per esempio.
    Prova a cercare e valutare il “sonia & sartana”, buon esperimento saltato fuori da quel forum.

    certo il citrico non è dietro l’angolo hai ragione, ma soda e percarborato e detersivo piatti si;-)

    se ti interessa il detersivo di cui parlo e non hai voglia di leggerti km di discussione fammelo sapere che te lo posto io molto volentieri.

  8. ho preparato il sapone x lavatrice ma risulta abbastanza liquido…
    per le dosi, se ne usa quanto quello “normale”? vale a dire il solito misurino o ce ne vuole di piu’? grazie

  9. sono d’accordo ,l’acido citrico è il migliore ammorbidente che ci sia ,io lo uso da tempo e lo compro su internet al prezzo di 4,90 al chilo ,considerando che si diluisce in ragione di 200 grammi per 1 litro d’acqua è molto economico.Provatelo anche come brillantante per lavastoviglie,è eccezionale ,oltre che economico,lo uso anche per pulire la cucina in acciaio,con poche gocce tutto brilla ,e ho ripulito tutte le vecchie pentole in acciaio.Il percarbonato ,inoltre ,reperibile su internet, ha un grande potere sbiancante sui tessuti,e non li rovina,io lo aggiungo al detersivo fatto in casa per lavatrice .insieme alla soda solvay ,il bucato fa profumo di vero pulitoe i tessuti si conservano benissimo.

  10. l’acido citrico come brillantante lo uso anch’io ma 150 gr. per un litro d’acqua; l’unica cosa che devo asciugare un po le stoviglie..

  11. sono andata a leggermi il forum dedicato ai detersivi di promiseland con “moderatore” Zago e devo dire che il suo tono saccente e sbrigativo con i poveri ignoranti (nel senso che ignorano) non mi ha particolarmente invogliato a continuare la lettura.
    polemica a parte, vorrei invece riflettere su questo: premetto che non sono un’esperta in detersivi casalinghi, ma li faccio, sperimento, a volte riesco a migliorarli. detto ciò mi chiedo (sempre dopo la lettura del forum di cui sopra) quanta importanza abbia il bianco candido, il capo completamente smacchiato. ovvio, non vado in giro con le chiazze sulle maglie, ma eventualmente ci fossero, pre tratto prima. non capisco questo affannarsi nel voler a tutti i costi un detersivo che lavi esattamente come quello chimico (e per far ciò i costi aumentano esponenzialmente)e anche l uso delle basse temperature incide meno sull’impatto ambientale… mi piacerebbe che tutta quest importanza che diamo all aspetto esteriore venga rivalutata. le nostre nonne lavavano con lisciva e marsiglia stendendo al sole. io per ora nel mio percorso seguo questa “traccia”.
    voi che ne dite? tutto questo è solo una mia percezione?

  12. @elisabetta NeuroPepe: non è una tua percezione, diciamo che la stragrande maggiornaza della gente è ancora molto “ignorante” per quello che riguarda i detersivi, basta che sul flacone ci sia scritto che contiene un qualsiasi componente vegetale e pensano che siano ecologici, siamo una minoranza ad interrogarci davvero sul reale impatto ambientale di questi prodotti (ammorbidente in primisi che non solo è superfluo ma anche dannoso per il contatto cutaneo), forse piano piano qualcosa cambia, siamo ancora una minoranza ma forse parlandone ogni giorno qualcuno di più apre gli occhi. Nel post ho specificato che non è un detersivo come quelli industriali perchè tantissime persone mi commentano le ricette dicendo che non lavano bene, questo perchè pretendono le prestazioni dei detersivi chimici normali, ad esempio mettendo in lavastoviglie i piatti incrostati (come fanno vedere in TV) pensado che un detersivo autoprodotto possa farli uscire fuori splendenti…

  13. ciao, io ho usato per parecchio tempo il detersivo liquido gel prodotto sciogliendo il sapone di marsiglia (uno di marca ecologica naturalmente). E’ vero, non è che lavi chissà come, a lungo andare anzi, non lavava proprio più e a un certo punto anche la lavatrice mi ha abbandonata (aveva i suoi anni ma ho il sospetto che il detersivo abbia fatto la sua parte) per cui sono anch’io alla ricerca di qualcosa di più attivo ma meno inquinante possibile. Devo dire che l’aggiunta della soda solvay può fare molto. Per quanto riguarda invece le stoviglie, il detersivo prodotto con limoni sale etc, in lavastoviglie è eccezzionale, mi sento di dirlo veramente con convinzione perchè per me è stata una vera e propria rivelazione… ho preso invece su internet l’acido citrico ma ancora non l’ho sperimentato. grazie a tutti perchè i commenti sui post sono davvero utili.

  14. facevo anch’io il detersivo per la lavastoviglie con limone, sale, aceto e cottura; adesso ho cambiato e mi trovo meglio, dentro una bottiglia di plastica ho messo 500 gr. di aceto e 500 gr. di detersivo liquido per lavare i piatti a mano; ne metto dentro la lavastoviglie un cucchiaino ed un cucchiaino di bicarbonato; funziona molto bene; inoltre lo stesso lo uso per tutte le pulizie sanitari del bagno (molto poco perchè fà schiuma); piano di cottura e lavandino della cucina; oggi ho provato i pavimenti, di ceramica, e funziona benissimo! provare per credere……………

      1. Grazie. Io sono ancora un po indeciso se andare verso la polvere o verso il liquido. Stavo pensando di incorporare nella tua ricettea del percarbinato di Officina Naturae che al suo interne ha già del sequestrante, per renderlo più efficace. Cosa ne pensi?

Rispondi