Come togliere pallini e pelucchi dai maglioni senza rovinarli

La lana, il misto lana e anche il cachemire fanno i pallini, è un dato di fatto!

Sta rottura dei pallini in gergo tecnico si chiama “pilling” e si può evitare, almeno in parte usando le alcune precauzioni in fase di lavaggio e asciugatura, più avanti nel post sti svelo i segreti.

Se in casa hai animali domestici (ti ricordo che io vivo con 5 cani e una gattina quindi so bene di cosa parlo!) si riempiono anche di peli in modo ignominioso…

Le idee furbe per eliminare i pallini e togliere i peli di cane e di gatto dai vestiti per fortuna esistono, l’importante è dotarsi degli attrezzi giusti per rendere il lavoro semplice e veloce.

Sai che io non amo perdere tempo e, in genere, amo i rimedi fai-da-te ai comuni problemi di casa, questa volta però devo sconsigliarti in modo più assoluto le soluzioni #DIY che spopolano su youtube, quei video che per togliere i pallini ti consigliano rasoio da barba + spazzola adesiva sono proprio una fesseria che invece di semplificare complicano, rendendo necessari due passaggi dove ne basta uno fatto con la spazzola giusta!

La spazzola adesiva va benissimo per togliere i peli dai tessuti, la trovi dappertutto ma se scegli una marca che ha prodotti di ottima qualità, come Marbet che mi accompagna nell’excursus sul tema e nell’unboxing (il video lo trovi in fondo a questo post) su youtube, stai sicura che avrai la vita semplificata.

Seguimi anche su Facebook:

In passato mi è capitato di acquistare al volo una spazzola adesiva nei negozi “tutto a 1 euro” e me ne sono pentita dopo pochi minuti, ad ogni spazzolata si staccava il cappuccio in alto, quello che tiene fermo il rullo, e la spazzola si decomponeva facendomi perdere un sacco di tempo e ho detto “mai più!”.

Tornando ai pallini la cosa migliore è fare le cose per bene, sia per evitare di fare passaggi inutili sia per evitare di rovinare i capi, sia quelli di lana sia quelli, più preziosi, di cachemire.

Io ogni Natale regalo uno o due maglioncini di cachemire al mio compagno (fare regali a lui è difficilissimo e con quelli ho una base e vado sul sicuro A bocca aperta ) ma poi i pallini odiosi arrivano sempre, per eliminarli la cosa migliore sono la Spazzola Magliabella di Marbet o la versione piccolina, sempre di Marbet, che sembra una spatola.

LEGGI ANCHE  Come riposare bene: 10 consigli per dormire come un ghiro

come togliere pallini e pelucchi dalla lana - UNBOXING MARBET #ideefurbe

Come vedrai nel mio video sono entrambi efficaci ma io preferisco la spazzola grande che mi permette di fare le maglie da uomo, tutte intere davanti e dietro, in pochissimi minuti.

Con le spazzole che ti consiglio io non c’è assolutamente il rischio di rovinare niente, neppure nel caso del puro cachemire sottile sottile e morbido morbido e con poche passate torna quasi come nuovo.

Per evitare il più possibile la formazione PRIMA usa sempre il tipo di detersivo e di lavaggio giusto:

1. temperatura dell’acqua (sia di lavaggio che di risciacquo)

La temperatura dell’acqua dev’essere tiepida, esattamente come se dovessi fare il bagnetto ad un neonato è perfetta a 36-37 gradi e non di più, se non sei avvezza a sentirla con le mani usa il metodo del gomito come per i bebè.

La temperatura deve sempre essere costante, sia per tutta la durata (il più breve possibile) del lavaggio che per quella del risciacquo.

Meglio lavare a mano perché in lavatrice l’acqua arriva prima a temperatura ambiente e poi viene riscaldata, lo sbalzo termico fa molto male al cachemire quindi se puoi evitalo.

2. detersivo giusto

Il detersivo perfetto è poco schiumogeno o usato in quantità MINIMA, vanno bene detersivi specifici per il cachemire, c’è chi usa solo ammoniaca (io no perchè è inquinante e non voglio rischiare residui nel capo) e può andare bene anche un cucchiaino raso di shampoo per capelli delicati o per bambini.

Meno ne metti meglio è perché il capo va lavato in pochi minuti, quindi deve essere risciacquabile in fretta.

LEGGI ANCHE  La TV in famiglia: guardiamola tutti insieme

3. additivo specifico (facoltativo ma consigliato)

A fine lavaggio puoi aggiungere un additivo specifico per la cura delle fibre come lo Sfeltro di Nuncas o la punta di un cucchiaino di balsamo per capelli delicati, è del tutto facoltativo ma ti può aiutare a preservare le fibre soprattutto in caso di lavaggi frequenti..

Idee furbe per togliere pallini e pelucchi dalla lana

4. eliminazione dell’acqua in eccesso

Per eliminare l’acqua in eccesso, prima dell’asciugatura vera e propria, non devi assolutamente torcere il capo.

Puoi metterlo ben steso tra due asciugamani di spugna per fare in modo che assorbano l’eccesso di acqua, oppure mettere il capo in un sacchettoper la biancheria e metterlo in lavatrice a fare la sola centrifuga (niente risciacquo con aggiunta di acqua, mi raccomando) a giri bassi.

5. asciugatura

Devi mettere il capo speso in orizzontale su un piano o sullo stendino, appoggialo su un asciugamano asciutto in modo che assorba ancora l’umidità.

Scegli una giornata secca in modo che l’asciugatura sia veloce, dopo che la maggior parte dell’umidità è a data via puoi terminare l’asciugatura sulla gruccia se possibile all’aperto e lontano dal sole diretto, per velocizzare.

6. stiratura (facoltativo e, per me, sconsigliato)

Mai con il ferro da stiro, neppure con sopra il panno di protezione, l’unico modo per stirare il cachemire è con un getto di vapore non troppo vicino e non insistendo sullo stesso punto, però se hai steso bene non avrai bisogno di stirare e io te lo sconsiglio.

Adesso che ti ho spiegato di tutto di più, per cachemire e lana, ti lascio il video qui sotto per vedere cosa spacchetto e buona visione!