Ammollo e cottura dei legumi secchi: i segreti per renderli digeribili

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

Ammollo e cottura dei legumi secchi: i segreti per renderli digeribili

I legumi sono buoni e fanno bene, sono ricchi di nutrienti preziosi per tutte le età.

Sia per i bambini sia per i nonni (e anche per noi adulti!) non facciamoli mancare mai in tavola.

La scocciatura di quelli secchi è che ci vuole un po’ di tempo per prepararli, tra ammollo e cottura se ne possono andare delle ore e quindi sembra impossibile prepararli all’ultimo momento.

In questo post ti racconto tutti i miei segreti per fare l’ammollo nel modo giusto, con in più qualche trucco per renderlo più veloce senza che siano meno digeribili e morbidi.

La prima cosa da dimenticare è l’aggiunta del bicarbonato all’acqua dell’ammollo. Non solo serve a poco per la digeribilità, ma in più impoverisce i legumi della vitamina B.

Vediamo insieme come ammollare i legumi in tre modi, con l’ammollo classico quello lungo lungo, con un ammollo veloce che riduce i tempi a un terzo circa e un ammollo last minute che in 20 minuti ti permette di avere i legumi pronti da cuocere.

Ammollo Lungo

Seguimi anche su Facebook:

La prima cosa da fare è sciacquare bene i legumi sotto l’acqua corrente fredda, in questo modo togliamo tutte le impurità e l’eventuale polvere.

Poi in una ciotola capiente metti tanta acqua fredda (deve essere almeno il doppio del volume dei legumi che devi ammollare) e poi aggiungi i legumi e una o due foglie di alloro o un pezzetto di alga combu (entrambi li rendono più digeribili).

Copri con un coperchio e lascia a bagno per il tempo indicato dalla confezione ma se puoi cambia l’acqua almeno due-tre volte durante il periodo di posa, sostituiscila con altra acqua fredda per eliminare ancora le impurità ed evitare che germoglino.

  Tempo di ammollo Cottura normale Pentola a pressione
Ceci da 12 a 48 ore 2-3 ore 1 ora e mezza
Cicerchia da 12 a 24 ore 2-3 ore 1 ora e mezza
Fave da 12 a 24 ore 1 ora e 45 minuti 1 ora
Fagioli all’occhio da 12 a 24 ore 1 ora e mezza 40 minuti
Fagioli azuki da 12 a 24 ore 1 ora e mezza 40 minuti
Fagioli borlotti da 12 a 24 ore 1 ora e mezza 40 minuti
Fagioli cannellini da 12 a 24 ore 1 ora e mezza 40 minuti
Fagioli di Spagna da 12 a 24 ore 1 ora e mezza 40 minuti
Lenticchie da 1 a 2 ore 40 minuti 20 minuti
Lenticchie decorticate // 20 minuti //
Piselli da 1 a 2 ore 1 ora 35 minuti
Piselli spezzati // 45 minuti //

Quando l’ammollo è finito butta via l’acqua (che contiene scorie che non sono buone) e l’alloro o l’alga combu, sciacqua ancora i legumi sotto acqua corrente e mettili a cuocere.

Ammollo Veloce

L’ammollo veloce comincia sempre con un bel risciacquo dei legumi sotto l‘acqua corrente, poi si passa ad un ammollo che in realtà è una pre-cottura lampo di 5 minuti, i legumi devono bollire con due volte il volume dei legumi di acqua bollente e la solita foglia di alloro o il pezzo di alga combu.

Dopo i 5 minuti non togliere il coperchio ma spegni il fuoco e lascia tutto in ammollo da 1 a 4 ore, più tempo li lasci e più saranno digeribili.

A questo punto togli l’acqua e l’alloro o l’alga, sciacquali e fai la cottura normale.

Ammollo Last Minute

Il primo passaggio è ancora il risciacquo dei legumi sotto l‘acqua corrente, poi ancora un ammollo che in realtà è una pre-cottura ma questa volta 15 minuti, i legumi bollono sempre con due volte il volume dei legumi di acqua bollente più la foglia di alloro o il pezzo di alga combu.

Dopo i 15 minuti scolali, togli l’alloro o l’alga, sciacquali con acqua corrente  non e fai la cottura normale.

Quando metti i legumi a cuocere ricordati di salare solo a fine cottura.

Per velocizzare i tempi di cottura la pentola a pressione è una mano santa, se hai poco tempo usala :mrgreen:

Ammollo e cottura dei legumi secchi: i segreti per renderli digeribili

2 pensieri su “Ammollo e cottura dei legumi secchi: i segreti per renderli digeribili”

  1. Ciao. Grazie Alessia per i tuoi suggerimenti.
    Un chiarimento relativamente all’ammollo veloce: li metto in pentola con acqua fredda, poi li porto in ebollizione e li lascio bollire per 5 minuti o li metto già in acqua bollente?
    Grazie Dario

Rispondi