Io adoro le patate, non le mangio sempre ma mi piacciono molto quindi mi capita di avere le bucce da smaltire.

Se hai il composter puoi metterle lì e sei già a posto, però ci sono un sacco di utilizzi alternativi e utili anche per le poverissime bucce di patata ben lavate dalla terra, che sono molto interessanti per casa, cucina, giardino e bellezza.

L’importante, per uso culinario, è che la buccia non abbia germogli o sia diventata verde, in quel caso va scartata perché sviluppa un composto tossico, la solanina.

Per tutti gli altri usi non è necessario eliminare le bucce che sono diventate un po’ verdi, mentre i germogli basta toglierli e buttarli.

Ecco un po’ di suggerimenti utili.

In cucina

Seguimi anche su Facebook:

1. Fai le chips fritte o in forno

Falle fritte proprio come le patatine classiche, oppure metti le bucce su una teglia con qualche pizzico di sale e un filo di olio e mettile in forno per 10-15 minuti (a seconda dello spessore), verranno fuori delle chips buonissime, sottili e gustose.

2. Usale per fare la frittata di patate (al posto delle patate)

Se hai delle bucce non troppo sottili puoi usarle per fare la frittata al posto delle fette di patate.

Il resto delle patate puoi usarle per altre preparazioni così doppia resa!

3. Falle fritte in pastella

LEGGI ANCHE  Regali di Natale DIY: preparato per cioccolata calda cremosa

Passale nella pastella e friggile, sentirai che bontà.

4. Usale per la “parmigiana di patate” (al posto delle patate)

Per la “parmigiana di patate” puoi sbollentarle in acqua bollente e poi usarle proprio come fette di patata alternate a besciamella, prosciutto cotto, formaggio grana e formaggi vari tagliati a cubetti, viene fuori un secondo completo e buonissimo.

Per la casa

5. Usale per pulire e lucidare i metalli

Se le passi dalla parte tagliata sui metalli, pentole, rubinetterie, ecc., puliscono perfettamente e lucidano che è una meraviglia.

6. Usale per eliminare il calcare e la ruggine

Stesso procedimento dove c’è calcare o ruggine, le usi per pulire al posto della spugnetta con i detersivi chimici, costo zero e ottima resa.

Per la bellezza

7. Usale per una maschera emolliente

Trita finemente le bucce di patata e usale sul viso per una maschera emolliente, l’alto contenuto di amido e i micronutrienti rendono la pelle morbida e nutrita.

Tieni in posa per 10 minuti circa e sciacqua con acqua tiepida.

8. Usale come impacco contro le borse oculari

Le bucce intere puoi usarle per eliminare il gonfiore delle borse sotto gli occhi, mettile in freezer per 10-15 minuti e poi applicale sulle borse dalla parte tagliata e tienile in posa per 5-10 minuti, finché non si saranno scaldate a contatto con la cute, i micronutrienti contenuti nella buccia + l’azione del freddo sono drenanti e ti aiutano a risolvere questo piccolo inestetismo.

LEGGI ANCHE  Risparmio: sui Conti Correnti che non superano i 5000 euro non si deve pagare l'imposta di bollo.

9. Prepara un impacco nutriente per i capelli scuri

Trita di nuovo le bucce di patata e usale come impacco sui capelli, va meglio per chi ha i capelli scuri perché oltre a nutrirli ed ammorbidirli potenzia i riflessi scuri.

Prepara un impacco contro le scottature solari

Trita le bucce di banana e miscelale con un po’ di acqua distillata e gel o succo di aloe freddi di frigorifero, se ti è capitata una scottatura solare questo rimedio ti aiuta a mandare via dolore e infiammazione, passalo sulla pelle arrossata e ripeti anche più volte al giorno.

https://www.youtube.com/watch?v=d99QBlA_iLQ

Per piante e giardino

10. Trasformale in concime biologico

Lasciate essiccare bene e triturate sono già un concime, se le aggiungi ad altre bucce, gusci delle uova (sempre ben triturati), bratta del caffè o del tè.

11. Usale per far nascere e coltivare altre patate

Se hai delle patate germogliate puoi pelarle lasciando tanta polpa attaccata alla buccia e usando solo la parte profonda, in questo modo elimini la solanina che si è formata e le bucce molto spesse, con attaccati i germogli, puoi piantarle per far crescere altre patate da raccogliere.

Si possono piantare anche in un vaso capiente o negli appositi sacchi che stanno anche sul balcone o terrazzo, se non hai il giardino.

Si piantano a marzo-aprile e verso l’autunno si possono raccogliere le patate autoprodotte e biologiche.