Risparmiare con i libri di scuola, idee e consigli!

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

risparmiare con i libri di scuola, idee e consigli

Ormai manca poco all’inizio delle scuole, i miei bambini per quest’anno sono ancora a scuola materna ma sto già cercando informazioni di tutti i tipi per il prossimo anno, voglio arrivare preparata sapendo tutto quello che c’è da sapere per fare le cose al meglio senza spendere una fortuna…

 

Il Codacons, recentemente, ha pubblicato alcuni consigli utili proprio per aiutare le famiglie a risparmiare con i libri di scuola, ti ripropongo alcune idee con i miei commenti personali 😉

 

1. via libera ai libri usati

Seguimi anche su Facebook:

i libri usati sono sempre un’ottima idea, riciclo, riuso e risparmio in una volta sola! Basta controllare che siano in buono stato, non pasticciati o sottolineati a penna, altrimenti poi bambini e ragazzi avranno difficoltà a studiare a loro volta.

Ormai in tutte le città le librerie “classiche” affiancano anche la vendita di testi usati e ci sono mercatini indipendenti in cui gli studenti ed i genitori possono vendere e comprare liberamente.

Un’ottima idea è organizzare, con l’aiuto di altri genitori, un mercatino interno alla scuola stessa, basta andare a parlare con il preside e trovare il locale giusto all’interno dell’istituto e l’aiuto di altre mamme e papà (e anche figli, perché no!), se nella scuola non c’è già una bacheca per gli annunci degli studenti-genitori chiedi (sempre al preside) che venga istituita anche quella, sarà molto utile sia per i libri che durante l’anno per altri eventuali annunci da fare o da cercare.

2. usa la biblioteca

Fai un giro in biblioteca, controlla se ci sono disponibili i libri di testo e per eventuali approfondimenti per la scuola dei tuoi figli, se non ci sono o sono troppo pochi fai una richiesta formale perché vengano acquistati, anche se non serviranno a te personalmente, altri bambini con meno possibilità potranno usufruirne, fallo presente anche a professori e maestri, in modo che possano indirizzare le famiglie con meno possibilità economiche anche verso questa soluzione.

3. libri in condivisione

Se ci sono libri che si usano meno puoi approfittarne per comprarli in condivisione con i bambini con cui tuo figlio fa i compiti e studia frequentemente, in classe possono essere vicini di banco e leggere insieme, a casa possono studiare insieme aiutandosi a vicenda.

4. attenzione ai libri troppo pesanti

Se ti è possibile compra solo libri con copertine e carta poco ingombranti e pesanti, oppure a fascicoli separati per argomenti, e chiedi formalmente alla scuola di scegliere i libri di testo anche in relazione a questo parametro.

Bambini e ragazzi sono costretti a portarsi in giro un peso esagerato per le loro giovani schiene! Se puoi compra ai bambini un trolley, non potranno sempre usarlo con le ruote ma sarà comunque un bell’aiuto.

5. Sciopero degli acquisti dei libri

 

Questo punto lo riposto pari pari dal comunicato del Codacons, fatene tesoro!

E’ una misura estrema, ma possibile. I genitori debbono rifiutarsi di acquistare i libri troppo cari e, così come già avviene per i farmaci equivalenti, debbono poterli automaticamente e liberamente sostituire con dei testi uguali che rientrano nei tetti di spesa stabiliti.

 

6. Ebook e libri online

 

Sono un’ottima alternativa sia per il peso, sia per il costo, sia per evitare il più possibile lo spreco di carta, per incentivarne l’uso parlane con la scuola ed il preside, i ragazzi possono stampare solo le parti necessarie, però attenzione al metodo di stampa, con la stampante a getto d’inchiostro, alla fine, rischi di spendere di più che con il classico “tomo”, se la scuola dei tuoi figli adotta l’uso di questo tipo di libri puoi pensare all’acquisto di una piccola stampante laser, ormai hanno costi molto contenuti e permettono di avere un costo/stampa molto basso.

Rispondi