Se mi leggi da un po’ forse sai che non compro più detersivi per la lavastoviglie.

Autoproduco tutto quello che mi serve per lavare i piatti a macchina e ho ridotto anche i tipi di additivi, prima di tutto ho eliminato il sale e questo non ha comportato problemi né alla lavastoviglie, né ai piatti e bicchieri, anzi i bicchieri in vetro hanno smesso di rigarsi  e rovinarsi irrimediabilmente, anche dopo centinaia di lavaggi.

In questo modo evito accuratamente che i residui di detersivo industriale restino sui piatti e nelle pietanze, inoltre non ho più l lavastoviglie che puzza, come succedeva ormai molti anni fa, quando usavo i detersivi classici.

Preparare in casa le miscele per la lavastoviglie per fortuna è piuttosto facile, anche il brillantante è semplice da creare, ma perché sia realmente efficace hai bisogno di conoscere la ricetta giusta, altrimenti aggiungi solo un liquido inutile nella macchina, con spreco di soldi e di tempo.

Per trovare la miscela perfetta ho fatto, come sempre, varie prove.

Ho sperimentato tanto e solo quando ho trovato gli ingredienti ideali ho cominciato ad usarlo sempre, e a non comprare più il brillantante (carissimo) che si trova al supermercato.

Seguimi anche su Facebook:

Online di ricette se ne trovano a centinaia, purtroppo sono quasi tutte inutili e scopiazzate di qua e di là, io preferisco pubblicare solo le mie ricette speciali e provate sul campo, ne ho a decine e piano piano le condivido con te.

LEGGI ANCHE  Deodorante naturale fai da te: come prepararlo in casa

Per fare il brillantante ti servono 4 ingredienti e una bottiglia,  di questo additivo è bene farne solo 250 ml circa per volta, in modo da averlo sempre fresco, ecco cosa ti serve:

– 190 ml di acqua calda

– 35 gr. di acido citrico

– 10 ml di glicerina vegetale

– 10 gocce di O.E. di limone o pompelmo

La prima cosa che devi fare è mettere le gocce di olio essenziale sull’acido citrico, poi fai sciogliere bene l’acido citrico nell’acqua calda e, infine, aggiungi la glicerina.

Questo brillantante si usa proprio come un brillantante industriale, l’unica differenza è che non fa male in alcun modo

Lo versi nell’apposita vaschetta e lo rabbocchi quando la macchina ti segnala che si è esaurito.

Prima di versarlo nella vaschetta ricordati di mescolarlo bene, agitando con vigore la bottiglia chiusa.

Il costo di questo brillantante autoprodotto è di circa 2 euro al litro, quello di un brillantante del supermercato va da 10 a 12 euro al litro, oltre ad ecologia e salute, anche il risparmio è decisamente alto.

LEGGI ANCHE  Autoproduzione e cosmesi naturale: ricetta per lo shampoo secco fai da te