Lunedì scorso ho comprato il nuovo modello della macchina del pane Silvercrest, in vendita da LIDL.

Nel corso degli anni ho avuto dei vecchi modelli di questo stesso elettrodomestico e mi sono trovata molto bene, ottimo prezzo e ottimo rapporto qualità/prezzo.

Questa settimana l’ho messa subito al lavoro e così l’ho potuta provare ben bene per raccontarti cosa ne penso.

Cominciamo dal prezzo, costa 49 euro, quindi il prezzo è decisamente basso.

Potenza termica ha 850 watt, mentre la potenza di impasto ha 100 watt, anche questi valori sono bassi ma non ci sono problemi per impasti anche ben incordati da 1 a 1,5 kg.

Mi conviene mille volte usare la macchina del pane piuttosto che accendere il forno che mi manda la bolletta alle stelle e cuoce il pane in modo decisamente peggiore.

Seguimi anche su Facebook:

I programmi sono 16, di cui l’ultimo completamente personalizzabile.

Ci sono anche programmi per il pane senza glutine, pane integrale, l’impasto per pizza, pasta fresca, torte, marmellata e anche yogurt!

I vecchi modelli avevano due programmi speciali, uno per il solo impasto e uno per la sola lievitazione.

In questo nuovo modello il programma per la sola lievitazione manca ma è possibile farla comunque con i parametri desiderati usando il programma nr. 16 che è quello interamente personalizzabile.

L’ho usata proprio l’altro ieri è va alla grande, tempistiche e tipo di pre-lievitazione e seconda lievitazione si possono regolare a piacere, senza alcuna limitazione, è comodissimo.

LEGGI ANCHE  Maternità 2015: guida a bonus e agevolazioni

Io uso la macchina del pane per fare la pagnotta con il lievito madre, quindi devo scollegare la lievitazione dai classici programmi di cottura per allungarla di alcune ore, con questo tipo di personalizzazione avanzata posso farlo senza alcun problema.

 

Anche il tipo di impasto desidero personalizzarlo, con il lievito madre faccio un tipo di impasto piuttosto veloce e la macchina Silvercrest mi permette di impostarlo proprio come voglio.

Questo modello è meno compatto rispetto a modelli più vecchiotti, però non è pesante e, anche se la tengo del mobile sotto il piano della cucina, e la devo tirare fuori e dentro quando mi serve, riesco a spostarla senza fare nessuna fatica.

Il cestello e le lame sono antiaderenti e quasi identiche ai modelli più datati, però ci sono dei piccoli cambiamenti quindi i vecchi cestelli non si possono più usare.

Questo è un peccato, io ne ho uno che mi è rimasto e per queste piccolissime differenze non posso più usarlo, anche se buttarlo via mi spiace.

Le istruzioni sono molto chiare, il display è ampio e sulla plancia ci sono ben elencati tutti i programmi, così li ho sempre sottocchio.

 

Insieme alle istruzioni c’è anche un ricchissimo ricettario.

La macchina è molto stabile sul piano di lavoro, non si muove ed è poco rumorosa.

LEGGI ANCHE  13 idee per riutilizzare l’acqua di cottura della pasta

Non ha particolari accessori a parte un bicchierino graduato per l’acqua, un cucchiaino dosatore doppio per il sale e un gancio per sfilare le palette da impasto prima della lievitazione e cottura.

La mia opinione è che non ha niente da invidiare a modelli più blasonati che costano anche più del doppio, anche usandola più volte a settimana non mi delude assolutamente.

Io te la consiglio e resto fedele a questo apparecchio che, nei vari modelli, uso da circa 15 anni, cioè da quando mio figlio grande è nato.

Per sintetizzare:

PRO

– prezzo molto economico

– ottima resa

– semplice da utilizzare e ottimo libretto istruzioni + ricettario

– con tanti programmi e molto personalizzabili

– capiente (fino a 1500 gr. di impasto)

– silenziosa

CONTRO

– non è possibile usare i cestelli dei vecchi modelli della stessa marca, per me questo è un grosso spreco 🙂

** Le opinioni espresse in questa rubrica sono assolutamente personali e del tutto scollegate da sponsorizzazioni o da accordi (economici o di altro tipo) con le ditte citate.