Stai per partire per le vacanze o sei già partita?

Ho pensato di preparare un compendio dei diritti che dobbiamo conoscere se facciamo il viaggio in aereo, problemi e disguidi sono all’ordine del giorno con le compagnie low cost (e non solo) ma conoscere a fondo quali diritti abbiamo per legge può fare la differenza tra una vacanza da incubo e una bella vacanza rilassante, malgrado tutto!

Per il trasporto aereo i diritti di noi passeggeri sono riuniti nella Normativa Europea che puoi trovare cliccando qui.

Vale sempre se:

1. il tuo volo avviene all’interno dell’UE ed è gestito da una compagnia aerea dell’UE o extra UE

2. il tuo volo arriva nell’UE con provenienza da un paese extra UE ed è gestito da una compagnia aerea dell’UE

Seguimi anche su Facebook:

3. il tuo volo parte dall’UE con destinazione in un paese extra UE ed è gestito da una compagnia aerea dell’UE o extra UE

4. non hai già ricevuto benefici (risarcimento, volo alternativo, assistenza dalla compagnia aerea) per problemi connessi a questo volo ai sensi della normativa vigente in un paese extra UE

I Paesi compresi nella normativa sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, inclusa la Guadalupa, la Guyana francese, la Martinica, la Riunione, Mayotte, Saint-Martin (Antille francesi), le Azzorre, Madera e le isole Canarie, nonché l’ Islanda, la Norvegia e la Svizzera.

Ecco i problemi principali che possono capitare:

1. l tuo volo è stato cancellato

I voli qualche volta vengono cancellati , i motivi più frequenti sono tre:

A. il volo originale viene soppresso e vieni trasferito su un altro volo

B. l’aereo, dopo il decollo, deve ritornare all’aeroporto di partenza e vieni trasferito su un altro volo

C. il volo arriva in un aeroporto che non corrisponde alla destinazione finale indicata sul biglietto

Se accetti un volo alternativo (simile al volo che avevi prenotato) verso l’aeroporto della destinazione finale originale o verso un’altra destinazione da te approvata hai diritto ad eventuali rimborsi per ritardo e non per la cancellazione e devi leggere la voce al punto 2, più in basso.

Se il tuo volo viene cancellato e non c’è un’alternativa che ti vada bene hai diritto al rimborso, al volo alternativo o di ritorno, nonché all’ assistenza e al risarcimento.

Il risarcimento ti è dovuto se sei stato informato meno di 2 settimane prima della partenza prevista.

La compagnia aerea è tenuta a provare se e quando sei stato personalmente informato della cancellazione del volo.

In caso contrario, puoi rivolgerti all’ autorità nazionale competente per ulteriore assistenza.

LEGGI ANCHE  Vacanze Organizzate: check list per la valigia su smartphone

Purtroppo il risarcimento non ti è dovuto se la compagnia aerea può provare che il volo è stato cancellato a causa di circostanze eccezionali.

Le circostanze eccezionali che non danno diritto al risarcimento sono: decisioni relative alla gestione del traffico aereo, instabilità politica, condizioni meteorologiche avverse e rischi per la sicurezza.

Invece non sono considerate circostanze eccezionali: la maggior parte dei problemi tecnici che emergono durante la manutenzione del velivolo o sono causati da scarsa manutenzione,

l’urto di una scaletta mobile d’imbarco contro un aeromobile.

Gli scioperi possono essere considerati circostanze eccezionali se la compagnia aerea riesca a provare che esiste un nesso tra lo sciopero e il ritardo o la cancellazione del volo.

Presso il banco del check-in o le postazioni self-service in aeroporto e al momento di effettuare il check-in online, deve essere chiaramente esposto un avviso stampato o in formato elettronico che informi i passeggeri dei loro diritti nell’UE. In caso di negato imbarco, cancellazione del volo, ritardo di oltre 2 ore al momento della partenza o forte ritardo al momento dell’arrivo alla destinazione finale, la compagnia aerea è tenuta a comunicarti per iscritto le norme per ottenere un risarcimento e assistenza.

2. Il tuo volo ha subito un ritardo

Se la partenza del volo che hai prenotato è ritardata, hai diritto all’ assistenza, al rimborso e a un volo di ritorno, a seconda della durata del ritardo e della distanza del volo.

Se arrivi alla destinazione finale con un ritardo di oltre 3 ore, hai diritto al risarcimento, a meno che il ritardo non sia dovuto a circostanze eccezionali.

3. Ti è stato negato l’imbarco

Può esserti negato l’imbarco solo per questi motivi:

A. per ragioni di sicurezza o di salute (ad es. se non hai informato in anticipo la compagnia aerea di allergie gravi) o se non hai i documenti di viaggio giusti

B. se non hai preso il volo di andata per una prenotazione che includeva un viaggio di andata e ritorno

C. se non hai preso gli altri voli inclusi in una prenotazione con voli consecutivi

D. se non sei in possesso della documentazione richiesta per l’animale da compagnia che viaggia con te.

Se ti sei presentato in tempo al check-in, con una prenotazione valida e documenti di viaggio validi e ti viene negato l’imbarco a causa di motivi operativi o di overbooking e se rinunci volontariamente al tuo posto hai diritto:

a. a un risarcimento

b. a scegliere tra rimborso, volo alternativo o spostamento della prenotazione a una data successiva e all’assistenza da parte della compagnia aerea

4. Il tuo volo era “overbooking”

Se ti sei presentata in tempo con la prenotazione e i documenti di viaggio validi e ti viene negato l’imbarco per motivi operativi o di overbooking, se rinunci volontariamente al tuo posto hai diritto:

LEGGI ANCHE  Cosa devi fare se trovi un cane abbandonato?

a. a un risarcimento

b. a scegliere tra rimborso, volo alternativo o spostamento della prenotazione a una data successiva e

all’assistenza da parte della compagnia aerea

5. Hai dovuto cambiare classe

Se ti fanno viaggiare in una classe superiore, la compagnia aerea non può richiederti nessun pagamento aggiuntivo.

Se invece devi viaggiare in una classe inferiore hai diritto al rimborso di una percentuale del prezzo del biglietto, che varia a seconda della lunghezza del volo:

a. 30% – per i voli fino a 1 500 km

b. 50% – per i voli di oltre 1 500 km all’interno dell’UE (ad eccezione di quelli tra l’UE e i dipartimenti d’oltremare francesi) e tutti gli altri voli compresi tra 1 500 e 3 500 km

c. 75% – per i voli non contemplati ai punti a o b, inclusi quelli tra l’UE e i dipartimenti d’oltremare francesi.

Se hai un unico biglietto comprende due o più coincidenze, il rimborso riguarda soltanto il volo in questione e non tutto il viaggio. La compagnia deve pagarti il rimborso entro 7 giorni.

6. Il tuo bagaglio è stato smarrito, danneggiato o consegnato in ritardo.

Bagaglio imbarcato

In caso di smarrimento, danneggiamento o consegna ritardata del tuo bagaglio registrato, hai diritto ad ottenere dalla compagnia aerea un risarcimento fino a circa 1 300 euro.

Però attenzione:  non puoi chiedere un risarcimento se il danno è dovuto a un difetto del bagaglio stesso.

Bagaglio a mano

Il vettore  deve darti un risarcimento se è responsabile di danni al tuo bagaglio a mano.

Assicurazione di viaggio

Per evitare problemi può essere una buona idea stipulare una assicurazione specifica per il viaggio che stai per intraprendere.

In alternativa puoi richiedere alla compagnia aerea con cui viaggi che aumenti il risarcimento massimo (oltre alla base di 1 300 euro). Questo è un servizio offerto a pagamento, devi richiederlo in anticipo o, al più tardi, al momento del check-in.

Come devi presentare il reclamo per il bagaglio

Se hai bisogno di presentare alla compagnia aerea un reclamo per smarrimento o danneggiamento del bagaglio, ricordati che devi farlo per iscritto entro 7 giorni dalla consegna del bagaglio stesso, oppure entro 21 giorni, se la consegna è avvenuta in ritardo.

Purtroppo non esiste un apposito modulo UE standard ma puoi richiedere quello della compagnia con cui voli.

Se hai altri dubbi puoi approfondire leggendo le FAQ sui diritti dei passeggeri aerei dell’Unione Europea cliccando qui.