controversie per telefono o pay TV - come risolvere in modo facile e veloceNei mesi scorsi ho cambiato operatore telefonico, poco dopo ha cambiato operatore telefonico anche mia mamma.

Ci eravamo accorte che la bolletta era sempre più salata a fronte di un servizio mediocre, addirittura mia mamma senza internet, cioè con il telefono fisso “solo voce” pagava al mese molto più dei contratti con la fibra…

Cambio operatore telefonico e altri problemi

Siamo passate ad operatori telefonici diversi e diversi erano quelli che avevamo prima.

Purtroppo i problemi di bollette salatissime non sono finiti, anzi entrambi gli operatori ci hanno chiesto soldi per “attività di cessazione servizio” (vietati dalla legge n. 40/2007) oltre a canoni mensili che andavano oltre il giorno in cui la linea è effettivamente passata al nuovo operatore.

Bollette pazze!

Bollette che ovviamente non abbiamo pagato, soprattutto in relazione ai canoni che coprivano un periodo già coperto dal nuovo operatore, con comunicazione alla compagnia telefonica di mandare una nuova bolletta corretta in modo da poter saldare il giusto.

Non solo non ci hanno mai risposto (nè via pec nè via raccomandata) ma hanno passato la pratica a varie società di recupero crediti che mandavano email, telefonate e lettere a raffica.

Pur continuando a spiegare il motivo del nostro non pagamento i solleciti invadenti e aggressivi continuavano.

Seguimi anche su Facebook:

Dopo l’ultima lettera, arrivata poco prima di Natale, ho deciso che dovevo fare qualcosa.

Ho scandagliato la rete per cercare informazioni e ho fatto una scoperta UTILISSIMA, che in circa una settimana mi ha risolto il problema, non solo la compagnia telefonica ha accettato la mia proposta ma me ne ha fatta una ancora più vantaggiosa, annullando la COMPLETAMENTE la bolletta incriminata e bloccando immediatamente i solleciti dalle società di recupero credito.

Ovviamente la mia scoperta la scrivo qui per aiutarti a risolvere anche il tuo problema e funziona per: TELEFONIA FISSA, TELEFONIA MOBILE, INTERNET E PAY TV (e anche servizi combinati di queste tre cose).

LEGGI ANCHE  Come fare il testamento biologico e dove depositarlo

Finalmente è nata Conciliaweb

Esiste un nuovo servizio telematico di conciliazione online, gestito direttamente da CORECOM (Comitato regionale per le comunicazioni) e da AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) che si chiama www.conciliaweb.agcom.it e con cui ho risolto brillantemente il problema che ti raccontavo qui sopra.

Invece di doversi recare fisicamente ad una sede CORECOM si possono risolvere le controversie in tema di telecomunicazioni direttamente online, nei primi 20 giorni dall’inserimento della domanda puoi fare una proposta direttamente alla compagnia che ti da problemi e potete dialogare per trovare una soluzione, se la proposta non viene accettata (ma per la mia esperienza in genere la accettano perchè quasi sempre hanno torto marcio) o non riuscite a trovare una soluzione in modo informale (su questa piattaforma le compagnie non fanno orecchie da mercante ma rispondono con sollecitudine) interviene un conciliatore professionale provinciale (ma con gestione del servizio interamente online e in modo gratuito) per aiutarci a risolvere secondo legge.

Risolvere il problema una volta per tutte

Per noi non è stato necessario neppure questo ulteriore intervento, ho inserito la domanda di conciliazione il 2 gennaio 2020 e oggi (8 gennaio 2020) la compagnia telefonica ha fatto una proposta ancora più vantaggiosa (per noi) di quella che avevamo richiesto inizialmente.

ho tentato e non sapevo esattamente cosa aspettarmi, invece sono assolutamente soddisfatta del risultato e delle tempistiche veloci e semplici.

Conciliaweb può aiutarti anche se nel frattempo l’operatore ti ha sospeso il servizio, con l’intervento dei conciliatori dovrà riattivartelo almeno fino al termine della procedura.

conciliaweb ecco come risolvere le controversie con gli operatori telefonici

Per inserire il tuo problema sulla piattaforma devi loggarti usando le credenziali SPID (se le hai) oppure iscrivendoti con i tuoi dati personali.

Dopo aver inserito tutti i tuoi dati ed esserti iscritto al portale puoi inserire il tuo procedimento con tutti i dati delle fatture e dei problemi in corso con un singolo operatore, se hai più controversie da risolvere puoi inserirne quante vuoi, ognuna singolarmente.

Ad ogni controversia dovrai aggiungere la tua proposta alla compagnia, puoi anche richiedere dei rimborsi per problematiche particolari, oltre allo storno di eventuali fatture non dovute o gonfiate, puoi anche richiedere che vangano immediatamente sospesi i solleciti.

LEGGI ANCHE  Treni in ritardo? I viaggiatori hanno diritto al rimborso in ogni caso

La negoziazione diretta

Entro i primi 20 giorni la compagnia ti risponderà per trovare un accordo (negoziazione diretta).

Se rifiuti le loro proposte e non riuscite a trovare l’accordo giusto interverrà il conciliatore per la negoziazione assistita.

La conciliazione

La conciliazione avviene in forma semplificata per tutta una serie di controversie:

Addebiti per traffico in Roaming europeo e internazionale

Addebiti per servizi a sovrapprezzo

Attivazione di servizi non richiesti

Restituzione del credito residuo

Restituzione del deposito cauzionale

Errato o omesso inserimento dei dati negli elenchi pubblici

Spese relative al recesso o al trasferimento dell’utenza ad altro operatore

Omessa o ritardata cessazione del servizio a seguito di disdetta o recesso.

In tutti questi casi il conciliatore del Corecom interviene nello scambio (dopo i primi 20 giorni ed entro 30 giorni) formulando delle proposte scritte, sul portale.

In casi particolari invece la conciliazione avviene in forma ordinaria, con un’udienza telematica in video conferenza, sempre attraverso il portale, in una specifica data/ora con un rappresentante dell’operatore telefonico e l’utente.

Alla fine della conciliazione, se si è trovato un accordo (che sia in via semplificata o ordinaria) il conciliatore redige il verbale di conciliazione che costituisce titolo esecutivo.

Se non si riesce a raggiungere un accordo su tutti o su alcuni punti del problema il Conciliatore redige un verbale sintetico in cui annota l’oggetto della controversia e la nota che la conciliazione ha avuto esito negativo.

Quindi può anche capitare che il tutto si traduca in un nulla di fatto ma secondo me è raro, io sono molto colpita da questo servizio e visto che è gratuito e completamente online ti consiglio di tentare subito questa strada, se hai controversie in atto con qualche compagnia di telecomunicazione e TV.

come risolvere i problemi con gli operatori telefonici una volta per tutte