Detersivi fai da te: le pastiglie monouso per la lavastoviglie

Sai quando ti si accumulano duemila cose da fare e, come se non bastasse, arrivano anche un sacco di imprevisti e di scocciature a rincarare la dose? Ecco in queste ultime settimane mi è successo proprio così e non sono riuscita a scrivere i post regolarmente  🙁

Cerco di riprendere il filo, sperando di essere alla fine del tunnel 😉

Riprendo con un suggerimento prezioso, la ricetta per preparare le “tabs” per la lavastoviglie, cioè le pastiglie monouso secche da mettere nel cassettino.

Ho parlato tanto del detersivo fai da te per la lavastoviglie ma, diciamoci la verità, è un po’ noioso doverlo mescolare ogni volta con il cucchiaio. Erano mesi che pensavo a come risolvere il problema e finalmente mi sono messa all’opera ed ho trovato il modo di realizzare le “tabs” monouso.

Gli ingredienti sono sempre i soliti, semplicissimi e naturali, andiamo a vedere come si fa…

– 300 gr. di bicarbonato di sodio

Seguimi anche su Facebook:

–  acqua demineralizzata

– 1-2 cucchiai di sapone liquido di Marsiglia o di Aleppo

– 15-20 gtt di olio essenziale di arancio dolce (o limone o qualsiasi altro O.E. che vi piaccia)

– stampi per il ghiaccio in silicone *

Come al solito devi mescolare il bicarbonato con gli altri ingredienti ed aggiungere acqua demineralizzata quando basta a rendere leggermente fluido il composto, il minimo indispensabile per poterlo mescolare bene bene (ma proprio benissimo, perché è importante che tutti gli ingredienti siano amalgamati perfettamente)

Dopo aver fatto la miscela ti basta colarla con il cucchiaio negli stampini di silicone e lasciare asciugare all’aria finché le pastiglie non sono completamente secche. A questo punto puoi tirarle fuori facendo pressione sul fondo e conservarle in una barattolo di vetro o di plastica, al riparo dall’umidità.

Ne metti una per ogni lavaggio e sei a posto 😉

Quando hai affinato la tecnica puoi anche preparare dei vasetti da regalare a Natale (e non solo) alle persone che di solito storcono il naso!

* in teoria si possono usare anche i normali stampi per il ghiaccio di plastica ma poi si fa una fatica bestiale a tirare fuori le pastiglie, in genere devi tirarle fuori con il cucchiaino, rompendole tutte, e la praticità se ne va a gambe all’aria!