Non bevo molto caffè ma quel poco mi piace espresso come al bar, invece proprio non riesco a bere quello della caffettiera!

Per Natale mi sono fatta un regalo in anticipo, da un mesetto ho comprato una macchinetta per il caffè a cialde. Ho comprato quella più piccola della “Lavazza a modo mio”, che si chiama proprio “la piccina” e costa poco meno di 100 euro.

Ora sto cercando modi costruttivi per riciclare le cialde, senza doverle usare tutte come concime per le piante, e per mantenerla bella pulita ed efficiente con metodi semplici ed ecologici, ecco quello che ho sperimentato:

1. le macchinette a cialde sono quelle che richiedono la minor manutenzione, difficilmente i fori del filtro i otturano anche se non ti ricordi di togliere subito la cialda usata (cosa che a me succede spesso…), però in questo modo il filtro comincia a trattenere l’odore della bratta, con il rischio di rovinare i caffè successivi.

Se ti ricordi di togliere la cialda subito dopo l’uso ti basta sciacquare il filtro anche sotto l’acqua fredda e lasciarlo asciugare bene all’aria separato dalla macchina. Se te lo dimentichi, quando togli la capsula sciacqualo bene sotto l’acqua calda e lascialo asciugare all’aria.

Ogni tanto per pulirlo perfettamente e togliere tutti gli odori, senza rischiare un gusto cattivo dei caffè successivi alla pulizia, tienilo immerso in acqua calda a cui avrai aggiunto mezzo limone spremuto e poi puliscilo bene con uno spazzolino pulito, sciacqualo sotto acqua corrente e asciugalo. Fai questa pulizia profonda una volta al mese se togli sempre subito la capsula usata, oppure una volta a settimana se sei indisciplinata come me :mrgreen:

Seguimi anche su Facebook:

2. se nella tua zona l’acqua è molto dura oppure se noti residui di calcare nel serbatoio, fai una passaggio di acqua completo (tutto il serbatoio) a cui avrai aggiunto un cucchiaio di aceto di mele e ovviamente senza usare caffè. Poi ripeti il procedimento con il serbatoio ben risciacquato con acqua pulita finché non sentirai più nessun odore di aceto.

Gli stessi accorgimenti valgono per le macchine espresso normali, quelle senza cialde, anche se il rischio di otturare il filtro è molto più alto.