Come pulire la moka senza rovinare l’aroma del caffè

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

Ieri un’amica su Facebook ha chiesto come si lava la caffettiera, la suocera la lava con il sapone e lei sa che non si fa ma non sapeva come argomentare l’obiezione.

Ho risposto spiegando il metodo che uso io e perché, poi ho pensato che scrivere un post poteva essere utile.

In passato ho scritto un articolo su come avere una macchinetta del caffè pulita ed efficiente, oggi mi dedico alla pulizia della moka ma anche del portafiltro delle macchinette elettriche, entrambi gli oggetti ogni tanto hanno bisogno di una pulizia profonda ma fatta in modo da non alterare in nessun modo il sapore dei caffè successivi e il sapone per i piatti non va bene per niente.

Il trucco per avere la caffettiera pulita e sgrassata perfettamente è usare il succo di limone diluito in acqua per lavarla, aiutandosi con uno spazzolino pulito (anche uno spazzolino da denti comprato appositamente per questo uso è l’ideale).

Il limone disinfetta e toglie l’eventuale grasso dei residui di bratta e sbianca bene bene il metallo e le guarnizioni e soprattutto è economico ed ecologico.

Dopo la pulizia si sciacqua bene e si mette ad asciugare.

La cosa importante è che il succo di limone non altera il sapore all’uso successivo della moka, anzi qualche goccia o una fettina di limone aggiunta al caffè lo rende più buono ed è un rimedio del passato che si usa per la digestione difficile dopo un pasto troppo abbondante e per mandare via il mal di testa.

Tu hai un trucco per lavare la caffettiera?

Seguimi anche su Facebook:

Come pulire la moka senza rovinare l’aroma del caffè

Rispondi