Come difendersi dagli acari della polvere

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

Come difendersi dagli acari della polvere

Gli acari della polvere sono dei microscopici animaletti (sono lunghi solo un quinto di millimetro) che vivono nelle nostre case perché si nutrono delle scaglie della nostra cute e dei capelli.

L’ambiente in cui si sviluppano meglio, oltre ad essere quello ricco delle suddette scaglie, ha una temperatura intorno ai 20 gradi, un’umidità relativa tra il 70 e l’80% e l’assenza del sole diretto, in pratica ho descritto ogni casa umana o quasi…

Insomma, siamo colonizzati e non ci sono santi…

Bisogna che impariamo a contrastarne lo sviluppo perché questi ragnetti sono responsabili di allergie frequentissime che danno come sintomi: asma, congiuntivite, rinite e dermatite atopica.

In realtà pensa che non siamo allergici all’animaletto ma alle sue feci, pensa che roba e che schifo si annida nei nostri cuscini!

Però i modi per difendersi esistono, vediamoli insieme.

Seguimi anche su Facebook:

Visto che non amano il sole la prima cosa da fare è di inondare di raggi le stanze il più possibile, bando alle persiane sempre chiuse ma apriamole in modo che il sole possa arrivare anche negli angoli più remoti delle stanze.

Si annidano soprattutto nei tessuti e negli imbottiti quindi anche loro devono essere messi al sole il più possibile nelle stagioni calde.

Un altro rimedio facile e naturale è il bicarbonato, ci sono ricerche scientifiche recenti che hanno studiato l’affetto dei cristalli di bicarbonato sugli acari della polvere, il risultato è che hanno un’azione che inibisce lo sviluppo dei parassiti.

Basta polverizzare il bicarbonato su tappeti, moquette e affini per ridurre la presenza di acari fino a 100% se si lascia agire la polvere per più di 2 ore.

Dopo che la polvere ha fatto effetto basta passare l’aspirapolvere per eliminare i residui.

La cosa bella è che il bicarbonato non agisce solo sugli insetti adulti ma anche sulle uova e i pochi cristalli che restano bastano a ridurre un successivo sviluppo fino alla passata successiva.

Anche una soluzione satura di acqua e bicarbonato ha lo stesso effetto sia per il lavaggio dei tessuti che delle superfici.

Per limitare ulteriormente il problema, soprattutto in caso di soggetti allergici, esistono degli efficaci prodotti antiacaro.

In particolare sto parlando di particolari tessuti barriera, sono dei tessuti talmente fitti che impediscono alle scaglie della nostra cute di penetrare nei materassi e nei cuscini e, contemporaneamente, impediscono agli acari e ai loro prodotti di uscire e venire in contatto con noi causandoci l’allergia.

La sinergia di questi tre espedienti: sole, bicarbonato di sodio e coprimaterasso antiacaro, possono evitarci un bel po’ di grane, soprattutto per i bambini che sono sempre più sensibili in fatto di allergie.

Rispondi