Come mantenere la farina sempre fresca e senza farfalline

Ti piace quello che scrivo? Condividilo...

Come mantenere la farina sempre fresca (senza farfalline)

La farina a casa mia non manca mai, anzi tendo ad avere sempre vari pacchi di farine diverse perché voglio averle sempre a disposizione per quando mi viene voglia di impastare anche all’ultimo momento quando faccio la focaccia ligure in 5 minuti e tante altre cosine buone.

Ovviamente negli anni scorsi sono stata vittima di una di quelle noiosissime infestazioni da farfalline della farina, una gran scocciatura!

Per risolvere il problema ho cominciato a travasare le varie farine in contenitori in vetro a chiusura ermetica, in questo modo una farina ha di nuovo avuto le farfalline ma sono rimaste imprigionate nel barattolo e non sono riuscite ad infestare il resto della dispensa, ho dovuto buttare quel tipo di farina ma è stato un danno limitato.

Negli ultimi anni invece ho trovato un sistema per conservare i miei preziosi pacchi che mi evita del tutto il problema: li metto nei sacchetti di nylon robusti e li ripongo nel freezer.

Le tarme alimentari o tignole arrivano nella farina e nei cereali dall’esterno (spesso da altri pacchetti) oppure le uova sono già dentro la confezione, restano latenti finché non trovano le condizioni giuste per schiudersi e poi è tardi, si diffondono un po’ dappertutto nella dispensa. Usando il freezer le condizioni giuste per loro non arrivano mai.

In questo modo la farina rimane perfetta per tutto il tempo di conservazione indicato sul pacchetto e anche qualche mese in più. Sono riuscita a sconfiggere le farfalline completamente adottando questo sistema facile e a costo zero.

Tu hai qualche altro trucchetto contro questi insetti?

Seguimi anche su Facebook:

4 pensieri su “Come mantenere la farina sempre fresca e senza farfalline”

  1. Ottima idea! Però io in casa ho talmente tanta farina che nel congelatore non mi entra proprio! Bisognerebbe avere una cantina bella fresca e non umida: un’utopia! : D
    Quest’estate con quel caldo e un’assenza di 40 giorni ho ritrovato la casa infestata.. adesso ho imparato che prima di partire si deve consumare o regalare tutto per evitare brutte sorprese ; )

    1. A me il problema si presentava prevalentemente in estate, ho optato per mettere i pacchetti residui di farina in un contenitore di plastica con coperchio (quello del gelato da 2 kg, bello grande) e messo tutto in frigo. In questo modo la farina è rimasta perfetta e non ha preso umidità. In inverno tendo a non farlo e finora non ho avuto particolari problemi 🙂

  2. Scusate se mi permetto ma dovrei dire 2 cose. Noi in garage abbiamo 2 quintali di grano da macinare e mi hanno insegnato che con l’ alloro intorno le farfalline non vengono e così è. Per quanto riguarda la farina se si sono sviluppate le farfalline significa che è da buttare. Non so se lo sapete ma ogni grano e cereale (pasta, riso, legumi….) aperto da più di un mese sviluppa una muffa trasparente e inodore che è cancerogena e non muore né col freddo del congelatore né col caldo della cottura. Magari comprare quantità più piccole!

    1. Ciao Chry, le muffe di cui parli sono le micotossine, purtroppo si formano spesso sui cereali ed è vero che è meglio prenderne quantità che si possono consumare in tempi brevi, però si formano anche al supermercato e durante lo stoccaggio industriale quindi ci sono buone probabilità che siano già nel pacchetto quando acquistiamo i prodotti 🙁
      Un approfondimento si trova qui=> http://www3.unict.it/dfsc/micotossine.htm

Rispondi