La farina a casa mia non manca mai, anzi tendo ad avere sempre vari pacchi di farine diverse perché voglio averle sempre a disposizione per quando mi viene voglia di impastare anche all’ultimo momento quando faccio la focaccia ligure in 5 minuti e tante altre cosine buone.

Ovviamente negli anni scorsi sono stata vittima di una di quelle noiosissime infestazioni da farfalline della farina, una gran scocciatura!

Per risolvere il problema ho cominciato a travasare le varie farine in contenitori in vetro a chiusura ermetica, in questo modo una farina ha di nuovo avuto le farfalline ma sono rimaste imprigionate nel barattolo e non sono riuscite ad infestare il resto della dispensa, ho dovuto buttare quel tipo di farina ma è stato un danno limitato.

Negli ultimi anni invece ho trovato un sistema per conservare i miei preziosi pacchi che mi evita del tutto il problema: li metto nei sacchetti di nylon robusti e li ripongo nel freezer.

Le tarme alimentari o tignole arrivano nella farina e nei cereali dall’esterno (spesso da altri pacchetti) oppure le uova sono già dentro la confezione, restano latenti finché non trovano le condizioni giuste per schiudersi e poi è tardi, si diffondono un po’ dappertutto nella dispensa. Usando il freezer le condizioni giuste per loro non arrivano mai.

LEGGI ANCHE  Autoproduzione: fare la pasta fresca vegana senza uova

In questo modo la farina rimane perfetta per tutto il tempo di conservazione indicato sul pacchetto e anche qualche mese in più. Sono riuscita a sconfiggere le farfalline completamente adottando questo sistema facile e a costo zero.

Tu hai qualche altro trucchetto contro questi insetti?

Seguimi anche su Facebook: